Stai in contatto

Istruzione, scuola, università

STORIE ITAGLIANE / Rischia la chiusura il Martuscelli, l’istituto per ciechi di Napoli

Pubblicato

il

istituto martuscelli (2)

Quella dell’istituto Martuscelli di Napoli è l’ennesima storia all’italiana che non vorremmo mai dover raccontare. Rischia la chiusura, infatti, il primo istituto per ciechi d’Italia. Nel 1818, infatti, durante il governo borbonico, a Napoli nacque la didattica per i giovani non vedenti. Domenico Martuscelli, sulla scia di quell’esperienza professionale, fondò l’omonimo istituto nel quartiere collinare del Vomero, nel 1873 ed ancora oggi, l’istituto è il punto di riferimento di centinaia di studenti e le loro famiglie.

Nel tempo, l’istituto è cresciuto, soprattutto grazie a donazioni ed autofinanziamenti, finendo con l’accumulare un ingente patrimonio immobiliare di cui fa parte anche il famoso teatro Cilea. Ad un certo momento della sua lunga storia, l’istituto passò in competenza al MIUR. La gestione, de facto, è stata sempre nelle mani di governo centrale, Regione Campania, Comune di Napoli ed una rosa di amministratori scelti dall’Unione italiana ciechi.

Nonostante l’enorme patrimonio accumulato, però- circa 50 milioni – le casse dell’istituto piangono e l’unica soluzione trovata dai vari amministratori, negli anni, è stata quella di svendere pezzo per pezzo i beni immobili facenti capo alla fondazione. Dunque, leggendo notizie trapelate e pubblicate su vari organi d’informazione, appare evidente l’ennesimo disegno di distruzione di un’altra eccellenza meridionale.

Regione e la dismessa provincia hanno bloccato i finanziamenti all’istituto mentre il MIUR, organo del governo romano, oltre a non aver approvato il bilancio, sta lavorando ad una “ridistribuzione” del patrimonio immobiliare dello stesso.

Alla fine dei giochi, l’obiettivo è quello di svendere, probabilmente agli “amici degli amici”, il prezioso complesso immobiliare, chiudere un istituto fiore all’occhiello del sud “che funziona” e gettare per strada i ragazzi ospitati dalla struttura, creando non pochi problemi ed aggravi alle famiglie degli stessi che non ricevono alcun tipo di assistena. E, ancora una volta, sgomenta e assorda l’irreale silenzio del mondo meridionalista, di quello politico e dei vari Masaniello “nazionali” che, ancora una volta, hanno perso una buona occasione per non tacere.

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.