Stai in contatto

Agroalimentare

TRADIZIONI IDENTITARIE / La notte del 5 gennaio a Napoli: calze al Mercato; o’ brore ‘e purpo a Portacapuana

Pubblicato

il

bror-e-purp

“Con due soldi si compera un pezzo di polipo bollito nell’acqua di mare, condito con peperone fortissimo: questo commercio lo fanno le donne, nella strada, con un focolaretto e una piccola pignatta”. Così scriveva Matilde Serano nel Ventre di Napoli, ai primi del ‘900, raccontando come mangiavano i napoletani e descrivendo il cibo di strada. Oggi molti di quei cibi non si trovano più con tanta consuetudine, ma stasera è una di quelle sere in cui Napoli torna al passato, alla vigilia della Befana.

E così a Portacapuana, dal Luciano e da altri rivenditori, il brodo di purpo resta nella tradizione culinaria della vigilia dell’Epifania.

Altro posto dove trovarlo stanotte, insieme a dolciumi di ogni tipo, è la zona di piazza del Carmine e di piazza Mercato, dove ci saranno tanti rivenditori di leccornie per riempire la calza. Tradizioni che non passano mai per Napoli e i napoletani.

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.