Stai in contatto

Agroalimentare

TRADIZIONI RECUPERATE / Nell'”Orto di famiglia” di San Floro risbuca il grano iermano

Pubblicato

il

12088245_10208278301864136_2398343301132226862_n

 

Ritrovato e recuperato in Calabria il “grano iermano”, vecchio modo usato dai contadini di chiamare la segale. Si tratta di un cereale introdotto dai tedeschi durante la prima guerra mondiale, usato per sfamare la popolazione quando ancora il grano non c’era, come mangime per gli animali, come ingrediente per produrre alcool (per esempio, la vodka), come cereale per il pane.

La tradizione viene riscoperta da Stefano Caccavari, ideatore dell’azienda agricola “Orto di Famiglia”, sita a San Floro (CZ), che ha girato mezza Calabria per trovarlo. Lo ha recuperato in Sila presso un anziano contadino che lo coltivava  da ben 50 anni. Stefano ci spiega: “Produrremo il pane iermanu – pane di segale, un pane di colore scuro – proprio come 60 anni fa. Coltiveremo il grano sulle colline di San Floro per difendere e rinnovare la tradizione”.

Quella tradizione che la Calabria ha riscoperto a distanza di anni; una tradizione quasi scomparsa, dimenticata, che il giovane imprenditore ha riportato in vita nel catanzarese. Passione e amore, aggiunti al grano, sono gli ingredienti giusti per la produzione di un ottimo pane dal sapore caldo, antico, che ci riporta nelle case della nostra infanzia, quando i nonni portavano in tavola il pane appena sfornato.

Eleonora Greco

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.