Stai in contatto

Identità

UN ANNO SENZA PINO / “Chi tene ‘o mare, ‘o saje, porta ‘na croce”: tu essenza di Napoli fuori dai cliché

Pubblicato

il

piazza del plebiscito pino daniele controluce

Ero ‘na nennella quanno Pino Daniele trasette dint’a vita mia. ‘A verità, nun m’arricordo quanno fuje. Dint’a casa mia se senteva ‘a voce soja già quanno era guaglione e accumminciaje a essere canusciuto ô pubblico.

Papà mio e ‘o zi’ Luciano, ca allora sunava, erano scugnizze dô Puorto e truvavano dint’a musica ‘e Pinuccio l’addore dê vicule ‘e Napule.

Parla’ ‘e Pinuccio è difficile. È comme si uno s’avesse ‘a arricurda’ ‘e respira’.

‘A musica soja m’accumpagna tutt’e juorne dâ vita mia. Tutto chello ca uno putesse dicere pare ‘nzipeto, banale, supierchio. Pecchè nun era sulo ‘nu musicante. Si pe Eduardo ‘a voce ‘e Napule era Sergio Bruni, pe nuje napulitane Pinuccio è l’anema chiu’ vera dâ napulitanità. Chillo conflitto maje sanato cu ‘na mamma a vote matrona, a vote puttana.

“Chi tene ‘o mare, ‘o saje, porta ‘na croce” è l’essere napulitano ‘e chi, senza cliché, alleria, mandulino e ammuina, votta ‘e mmane tutt’e juorne. È ‘a manera ‘e raccunta’ ‘a arteteca ‘e chi se n’hê avuto ‘a fujì pe mmezo e chilli là ca “se pigliano ‘o cafè” ma nun s’hanno maje scurdato chi song e addo’ so nate. E si è’o vero ca l’Arte ce fa addiventa’ eterne, grazie a te, Pinu’, nuje nun murimmo chiu’…

Drusiana Vetrano

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI DELLO SPECIALE DI IDENTITA’ INSORGENTI SU PINO DANIELE

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.