Stai in contatto

Ambiente

VESUVIO VIOLENTATO / Nuove discariche al Parco Nazionale: fermiamo il degrado di un’area protetta

Pubblicato

il

Nuove discariche sul Vesuvio

Nuove discariche sul Vesuvio

 

Non  solo nella  “Terra dei Fuochi”, ma a macchia di leopardo, le discariche spuntano un po’ ovunque, ed ogni giorno si scoprono nuovi ed inquietanti scenari, come quello di qualche giorno fa, ad Ercolano, dove la Guardia di Finanza ha sequestrato un’area di circa 600 mq, adibita a “rifiuti speciali”.

Nell’ambito di un’operazione investigativa ad “ampio” respiro, le Fiamme Gialle  di Portici, scoprivano nel comune di Ercolano, all’interno del Parco Nazionale del Vesuvio in una località  difficile da localizzare, a causa della lontananza dalla strada provinciale, un sito di stoccaggio di materiali rientranti nella categoria dei rifiuti speciali, individuando, e denunciando, grazie ad una meticolosa opera di appostamenti, una persona che scaricava il proprio mezzo, in quella zona.

Successivamente alla “flagranza di reato”, i militari, constatavano in quell’area, la presenza di almeno 4 tonnellate di rifiuti nocivi per l’ambiente.

Ma non è la prima volta che si scoprono veleni in una zona protetta come quella del Parco Nazionale del  Vesuvio, dove per fortuna ancora oggi persistono condizioni floro-faunistiche uniche al mondo; qualche anno fa, e per l’esattezza parliamo del Dicembre 2013, il Corpo forestale dello Stato riscontrò una vasta area di oltre 2.500 metri quadrati utilizzata per lo stoccaggio di rifiuti che emanavano  esalazioni velenose a San Giuseppe Vesuviano, e zone limitrofe. Tale scoperta fu possibile per via delle forti emissioni tossiche sprigionate dai rifiuti accumulati nel corso del tempo, emissioni che oltre a mettere a repentaglio la vegetazione e l’habitat naturale, influivano anche sull’apparato respiratorio degli abitanti stessi, poco distanti da quell’area.

Successivamente, nel Febbraio 2015, furono scoperte 300.000 tonnellate di rifiuti solidi urbani, nell’area di Terzigno, registrando poi lo scandalo dei denari spesi per le consulenze, piuttosto che per una seria opera di prevenzione ed investigazione, nei confronti di una camorra sempre più agguerrita e spietata, nel mercato dei rifiuti.

Ammirevole è l’impegno di Don Antonio Pisano, sacerdote porticese che da anni si batte per una legge che punisca seriamente gli eco reati; un esempio che oggi più che mai, fa da “guida” ad una generazione intera di cittadini che gradualmente stanno alzando la testa, imparando che solo con la partecipazione pro-attiva, si può preservare il nostro territorio da questo scempio.

A tutti vogliamo ricordare che il Parco nazionale del Vesuvio è nato il 5 giugno 1995 ed estendendosi tutt’intorno al vulcano, comprende 13 Comuni, un’area riserva di biosfera dell’Unesco e una riserva forestale nazionale. Undici i sentieri presenti (fino a poco tempo fa erano nove), sui quali è possibile fare escursioni. E’ notevole la presenza di specie floristiche e faunistiche se si rapporta alla sua ridotta estensione: sono 612 le specie appartenenti al mondo vegetale e 227 specie – tra quelle studiate – le appartenenti a quello animale.

La battaglia continua, con tanta amarezza, ma anche alcuni  successi delle forze dell’ordine e di tanta gente, che sta cercando di rialzare la testa, consapevole dell’inestimabile valore del nostro territorio .

Alberto Guarino

 

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.