Stai in contatto

Arte

Addio a Dalisi, maestro buono di educazione al bello

Pubblicato

il

Se educare significa, letteralmente, portare fuori, Riccardo Dalisi – che è scomparso appena una manciata di ore fa ma e già ci manca moltissimo – è stato soprattutto un educatore. Perché ha portato fuori da chiunque abbia avuto la fortuna di entrarvi in contatto, il potenziale del riso, la magia del sogno, l’opportunità dell’errore, la bellezza del disordine.


Come un pifferaio magico -ma un pifferaio buono!- Dalisi ci ha sedotto col suo segno selvaggio, ci ha conquistato con note sensuali, ci ha messo in contatto con la dimensione meno razionale e controllata di noi stessi, ci ha offerto in altre parole la libertà di stupire e giocare.


Maestro prima ancora che per titoli, meriti e riconoscimenti, Dalisi lo è stato per quel dono prezioso di ascoltare, non giudicare, non commiserare, prendere, scambiare, confrontare, indirizzare.

E in questo senso si colloca il lavoro poderoso e paziente fatto negli anni con i bambini della nostra città, Napoli: un lavoro cominciato negli anni ’70 e in qualche modo condotto innanzi fino ad oggi, un lavoro che affonda le radici in una nuova consapevolezza maturata all’indomani della frequentazione del centro Coscienza a Milano, un’associazione i cui membri affrontano tutti insieme un percorso di crescita personale attraverso corsi di arte, filosofia, letteratura, teatro, la cura degli altri e dell’ambiente: come intorno ad una grande tavola rotonda nessuno primeggia, nessuno insegna, nessuno impara. Tutti ascoltano e crescono nello scambio delle esperienze individuali.

Appare un po’ questo il solco in cui Dalisi, rientrato a Napoli, si muove e porta avanti i suoi progetti con bambini ed emarginati, mai rivolgendo loro un atteggiamento compassionevole, ma piuttosto ponendosi in una posizione costante di ascolto e opportunità di crescita, letteralmente rubando loro spunti, idee, visioni, creatività e metodo.

Dal Rione Traiano fino a Scampia passando per Ponticelli e la Sanità, Dalisi ha portato il bello dove non ce n’era, ha dato valore allo scarto, al rifiuto, un po’ figlio di quell’arte di arrangiarsi tutta napoletana, un po’ novello Michelangelo per il quale ogni blocco di pietra ha una statua dentro di sé ed è compito dello scultore scoprirla.

Ed è così che, per oltre 40 anni, carte, legni, latte, si rivelano nella loro essenza di gatto, albero, uccellino, luna, arciere, montagna, fiore, angelo, bacio appassionato, strumento musicale, acrobata, sorriso. Tutto è già scritto in quella latta ammaccata e in quel foglio stropicciato, a tirarlo fuori è l’artista con la sua creatività.


Riccardo Dalisi ci mancherà per la sua vita alla ricerca del bello nel suo significato più classico, quello in cui coincide con la categoria etica del buono, quella del bello come valore supremo accanto al vero e al bene.

Sarah Galmuzzi

L’immagine è tratta dal sito http://preziosamagazine.com/

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.