Stai in contatto

Arte

Gennaro Cilento: un artista fuori dagli schemi, un simbolo per SulSud

Pubblicato

il

Il transfert rappresenta la ripetizione, la messa in scena, di una relazione antica con pulsioni vissute nel passato nei confronti di figure significative.

Vengono riattivate, attualizzate e trasferite. Per l’artista il suo terapeuta è la tela dove canalizzare le sue “visioni”.

Perché Gennaro Cilento è un’icona di libertà

Come ha fatto Gennaro Cilento, a diventare iconico simbolo di libertà generazionale? Vivendo d’agente provocatore cromatico: i suoi colori cangianti erano il suo look, il suo linguaggio irridente e caustico. Aveva dentro tutta la cultura storica popolare napoletana, non a caso, con orgoglio raccontava di un suo bisnonno brigante.

A Napoli ancora oggi imperano artisti che cantano San Gennaro e espongono al Duomo, sottintendo che la loro arte possa sciogliere il sangue di San Gennaro. In realtà impediscono il miracolo dell’avanguardia alimentando il populismo del gusto! La Napoli del 2021 celebra ancora Pulcinella, tarantelle, cornicelli, presepi, pastori, rituali e scaramanzie varie tra sacro e profano. In questo delirio identitario autocelebrativo, si è proposto come il primo e vero eroico antieroe della storia dell’arte contemporanea Napoletana.

Così Cilento ha smascherato il “comunismo comunista”

Ha sgretolato un’avanguardia napoletana, figlia di un consumismo presentato come comunismo, che pareva concedere agli artisti immunità d’azione nel nome dell’ignoranza.

Ha lanciato, in un panorama incapace di focalizzare il bello nel contemporaneo, delle molotov cromatiche di simbolismo e significato, condendo la libertà come metodo al gioco scrupoloso. Aveva delle fascinazioni che traslava dalla sua alla altrui psiche e una di queste sono state le bambole, passione simbolica che gli aveva trasmesso la mamma.

Dalle bambole agli animali: perché alcuni simboli

Le bambole hanno sempre accompagnato la sua produzione, non solo come simbolo sessuale (le bambole gonfiabili che sintetizzano la donna come macchina da fottere nell’immaginario consumistico), ma anche come simbolo dell’infanzia della mamma, retaggio popolare sbalzato e traslato nel suo presente.

La sua estetica è pregna della fascinazione degli oggetti inanimati che l’hanno sedotto. Per lui hanno anima, connette subcultura e subinconscio svelando i segreti della natura delle cose. Nei suoi paesaggi i cassonetti dell’immondizia dialogano con animali desolati, animali vicini per significato simbolico a un certo suo feticismo che rende tutto oggetto da consumare e di consumo.

Nella sua vita ha servito con dedizione la sua pittura, a cui serve il nostro sguardo, i suoi animali immersi nei paesaggi contaminati, dove l’uomo non c’è se non nell’ambiente che ha contaminato e mutato, sono la guida divina, che può farci ancora sperare nel futuro.

Una “malata asfissia visiva”

Della sua pittura diceva: “Rappresento spesso una devastazione ambientale costituita da immondizia e ciminiere industriali che vomitano veleni, tutto all’insegna di una virale, malata e contagiosa asfissia visiva, caratterizzata da vorticosi colori ipnotici. Allo stesso tempo rappresento l’altrove del genere umano. La zona di confine da dove ormai non c’è più ritorno.”

Uomo si nasce, artista si muore.

Gennaro ha saputo essere uomo in vita e artista postumo.

Tanti giocano a fare gli artisti in vita rinunciando alla dignità che dovrebbe essere insita nell’umanità.

Domenico Di Caterino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *