Stai in contatto

Identità

BASKET NAPOLI/ Il grande Cuore Napoli che torna a farci sperare. E sognare.

Pubblicato

il

Il cuore di Napoli torna a battere forte per il Basket di livello. E torna a sperare. Ma stavolta, si spera su basi solide. E sui risultati.

Dopo anni di fallimenti e delusioni, finalmente a Napoli c’è un progetto per il futuro.

Ma i successi del Cuore Napoli basket, guidato dalla sapienza di coach Francesco Ponticiello, sono presenti e reali. E sono tanti.

Un campionato straordinario, combattuto da veri leoni, quasi sempre primi in classifica.

Vittorie al cardiopalma, sudate e spesso strappate sul filo di lama, contro avversarie temibili e blasonate.

Soprattutto, una Coppa Italia portata a casa con sacrifici personali e grande determinazione e le qualificazioni per i play off, vincendo il campionato con due giornate di anticipo. E l’approdo in A2 che si fa sempre più vicino…

Ma oltre ogni cosa, uno staff tecnico, un team di atleti, dirigenti e sostenitori, che sono il vero valore aggiunto del Cuore Napoli Basket.

Una squadra nata dallo sforzo e dal sacrificio di tutti. Grandi professionisti che hanno messo tutto a disposizione di un progetto. Ed una passione.

Perché lo Sport professionistico ed il calcio in particolare, spesso, ci hanno fatto dimenticare che lo Sport è innanzitutto passione, sacrificio, abnegazione. Ma se ci si crede, i risultati arrivano. Come in questo caso.

Proprio l’altro giorno la squadra è stata ricevuta a Palazzo San Giacomo dal sindaco Luigi de Magistris e dall’assessore allo Sport Ciro Borriello.

Riconoscimento, a nostro avviso, più che necessario per un gruppo di persone che sta investendo tempo, soldi, energie e risorse in un progetto a lungo termine che, corna facendo, riporterà Napoli nel firmamento del grande basket italiano.

Senza aiuti da parte di nessuno e con pochi sponsor a finanziare il sogno napoletano.

Senza dimenticare gli ostacoli incontrati durante quest’anno, primo e più grave, la chiusura del Pala Barbuto per inagibilità, che ha comportato una serie di problemi di cui non si ha evidentemente percezione dall’esterno ma che hanno gravato sul rendimento generale.

 I disagi procurati dalla chiusura del palazzetto per diversi mesi, infatti, sono stati veramente notevoli ed avrebbero potuto incidere negativamente sul bilancio totale.

E, per certi versi, è stato proprio così. La situazione “pubblico” fatica a decollare. Già il basket a Napoli esce da anni terribili, che hanno inevitabilmente allontanato una grossa fetta di tifosi. Poi, quando si comincia a sperare, i tifosi che non hanno mai abbandonato la loro squadra sono costretti a trasferte fuori città per seguirla, con la conseguenza di avere nel palazzetto, durante le partite in casa,  una tifoseria scarna come non mai.

Danni economici, quindi. Ma non solo. Perché sugli atleti pesa moltissimo il mancato sostegno della tifoseria. Quando si dice che i tifosi sono alla stregua di un altro giocatore in campo non si esagera.

Ricordiamo, per chi non lo sapesse, che nei mesi in cui il Pala Barbuto è stato chiuso per inagibilità, il Cuore Napoli basket ha giocato, di volta in volta, in strutture diverse, ma sempre fuori dai confini amministrativi della città.

Tutto questo, all’inizio del campionato, in un momento particolarmente delicato per le squadre rodate, figuriamoci per una “neonata”.  E la ricaduta sul benessere psicofisico che tutto ciò, generalmente, ha sugli atleti è un elemento in più in favore di questi ragazzi che non si sono mai persi d’animo.

Il Cuore Napoli, dunque, non deve dire grazie a nessuno se non a se stesso. Ed al grandissimo affiatamento che ha visto tutti uniti, tutti compatti, atleti, dirigenti, supporters. Tutti a gioire e soffrire insieme. Tutti a lavorare per l’obiettivo comune, indipendentemente da compensi e benefici di sorta.

Dal presidente Ciro Ruggiero al  vice presidente Flavio d’Isanto, dal coach Ciccio  Ponticiello al preparatore atletico Aldo Chiari, dall’ addetto stampa  Cristian Andrisani  all’allenatore in seconda Armando Trojano , dal direttore sportivo Pino Corvo all’intero team di atleti, tutti, assolutamente tutti, grandi professionisti con un grande cuore. Il grande Cuore del Napoli Basket.

Drusiana Vetrano

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.