Stai in contatto

Attualità

EAV INDECOROSA / Pugno duro contro gli imbrattatreni: quella diretta priva di senso (anche del pudore)

Pubblicato

il

Grandissime novità per tutti gli utenti di cumana, circumflegrea, navette eav, vesuviana. Novità meravigliose, fantastiche, inconcepibili: finalmente i colpevoli del disastro sono stati trovati e puniti, messi alla gogna in pubblica piazza, e costretti ad espiare i loro crimini.

Come? Le migliaia di evasori che non fanno il biglietto e approfittano gratuitamente del (dis)servizio alla faccia della povera gente che lo paga? Ma no, di più!

I lavoratori che organizzano migliaia di scioperi bianchi aumentando all’inverosimile i disagi di un trasporto pubblico da quarto mondo? No, di più, molto di più.

I dirigenti che hanno portato l’azienda allo sfascio, al fallimento multiplo, allo sbaraglio? Ma stiamo scherzando? Utenti cari, ma davvero non riuscite ad arrivare più in alto? Ad immaginare la causa maxima di tutti i disagi, la sciagura, l’invasione di cavallette che è stata debellata dai nostri eroi???

Ebbene si, proprio loro: i writers! Questi ragazzini “ribelli” che osano commettere il gesto criminale ed inconcepibile di imbrattare il meraviglioso parco treni dell’azienda, arrivando addirittura a coprire con dei disegni le macchie di ruggine! Ma no, adesso tutto questo è finito: in pochissimi giorni ben tre di questi teppisti sono stati presi, denunciati e portato a colloquio con l’Eav, con cui è stato trovato un magnanimo accordo: pulizia dei treni in diretta facebook.

No, non è uno scherzo: i ragazzi sono stati condannati ad una punizione esemplare, la pulizia di ciò che hanno sporcato, con condimento di gogna in pubblica piazza, per risparmiare loro un’azione legale. La montagna è riuscita a partorire il topolino.

E abbiamo quindi una diretta, andata in cui i tre ragazzi vengono intervistati per “capire i motivi della rabbia che li spinge a questi atti di vandalismo, per capire come questa rabbia possa essere incanalata meglio”.

Una sorta di talk show alla Barbara D’Urso, in pratica, con tanto di supporto psicanalitico gratuito, con l’intervista al “criminale”, la ricerca dei motivi che lo spingono ad agire e addirittura l’intervento degli opinionisti. Tutti intervistati in diretta due giorni fa dal presidente dell’ente, Umberto De Gregorio. Col supporto psicologico di Francesco Perillo che il giorno dopo ti scrive anche il fondo di supporto.

Tutto ciò si trasforma, ovviamente, nell’ennesima occasione per fare il solito panegirico degli enormi sforzi in corso per salvare l’azienda dal fallimento (a quale fallimento siamo arrivati? Il terzo, il quarto? Chi se ne importa, tanto basta cambiare nome!) e per risanare la situazione.

E chi se ne importa se le condizioni di viaggio peggiorano ogni giorno di più. Tanto, alla fine, basta dire che è colpa delle amministrazioni precedenti e che si stanno facendo enormi sforzi che per gli utenti sono e resteranno per chissà quanto altro tempo invisibili.

Chi se ne importa se gli utenti viaggiano come bestie ammassate le une sulle altre. Chi se ne importa se l’estate è alle porte e chi deve spostarsi dovrà portarsi le bombole di ossigeno da casa, perché sui treni revampizzati i finestrini sono serrati perchè tanto c’è l’aria condizionata che però non funziona, e non si capisce se e chi possa aprire i vetri, perché se chiedi in stazione ti rispondono di chiedere al capotreno ma il capotreno ti risponde che non può aprirli.

Chi se ne importa se l’ultima volta che ci sono stati degli orari attendibili risale all’epoca dell’impero romano, se un utente deve avviarsi ore prima per non essere comunque sicuro di arrivare, se neanche il personale in stazione sa (o vuole) dirti a che ora passerà il prossimo treno.

Chi se ne importa se i pendolari arrivano ogni giorno in ritardo al lavoro perché il treno è in ritardo già dalla prima corsa del mattino, o perché ci sono guasti improvvisi, o peggio ancora perché ci si ricorda, all’improvviso, che i treni non rispettano gli standard di sicurezza o le condizioni tecniche o qualunque altra cosa e quindi non possono viaggiare (ma guai a dire che è uno sciopero bianco o che è una volontà dei lavoratori, non sia mai… Sono tutte coincidenze!).

Chi se ne importa se in un anno c’è stata una media spaventosa di incidenti, interruzioni dovute a frane o ad altri danni derivanti dall’usura di treni e/o binari e/o stazioni.

Chi se ne importa se stiamo parlando di un’azienda che è riuscita ad inserire l’obiezione di coscienza persino nel settore dei trasporti (vedi nel periodo estivo, quando la partenza di treni o autobus è spesso a discrezione dell’autista, perché “l’aria condizionata non funziona e quindi non può prendersi la responsabilità se qualcuno si sente male”).

Chi se ne importa se i treni cadono a pezzi.

L’importante è aver cancellato i graffiti. Con una diretta fb e una gogna mediatica senza precedenti. E senza senso del ridicolo.

Marica Mazzella

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=809032175914752&id=537430093074963

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.