Stai in contatto

Altri Sud

DOTTORATI DI RICERCA / Al Sud scompaiono. E i giovani meridionali emigrano sempre più

Pubblicato

il

laurea

Vi lascio il dato senza ulteriori commenti, a dimostrazione che una macroregione importante di questo Paese, sforna ormai solo emigranti.

Proprio oggi l’istituto Toniolo fotiografa questo identikit del giovane meridionale:

“Per i giovani del Sud – commenta il professor Alessandro Rosina, docente di Demografia e Statistica Sociale dell’Università Cattolica di Milano e tra i curatori del Rapporto Giovani – risulta molto più drastica la decisione tra rimanere, ma doversi accontentare a rivedere al ribasso le proprie aspettative lavorative e i propri obiettivi di vita, o invece andarsene altrove. Solo il 16% è infatti indisponibile a trasferirsi. Se però in passato come destinazione prevaleva il Nord Italia, ora più della metà degli under 30 meridionali punta a un possibile volo direttamente all’estero. A progettare di andarsene sono ancor più i laureati e gli studenti, mentre i più rassegnati a rimanere sono i Neet, ovvero i giovani che non studiano e non lavorano”. E questo significa che la disponibilità delle fasce giovanili meridionali ad emigrare per poter lavorare “tende ad impoverire non solo quantitativamente, ma anche qualitativamente – avverte Rosina – la presenza dei giovani nel territorio di origine”,

La distribuzione territoriale dei #Dottoratidiricerca in Italia. Al Sud stanno scomparendo. @ADIPhD @profgviesti pic.twitter.com/J80dMkeV0E

— ROARS (@Redazione_ROARS) 19 Giugno 2015

Il Lazzaro

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.