Stai in contatto

Arte e artigianato

COMPLESSO DEGLI INCURABILI/ Giuseppe Moscati: visita teatralizzata e raccolta fondi per il restauro

Pubblicato

il

10941435_434361826721874_9027404563746040387_n

Sabato 7 febbraio 2015 alle ore 18:30 l’Associazione Culturale NarteA mette in scena “Kairòs, sussurri del tempo”, una visita guidata teatralizzata, presso il Complesso degli Incurabili per sostenere il restauro del Museo delle arti Sanitarie e della Farmacia Storica.

Napoli possiede un patrimonio artistico-storico-culturale da fare invidia a molti e, senza voler fare la solita retorica, questa ricchezza appartiene a tutti noi, e a noi tocca in primis tutelarlo – affrema l’Associazione – anche partecipando a questa visita guidata teatralizzata, ideata in collaborazione con il prof. Gennaro Rispoli, presidente del Museo Delle Arti Sanitarie, e pensata appositamente per sostenere il progetto di restauro“.
Nel cortile del Complesso degli Incurabili, tra l’elegante cortile cinquecentesco, le antiche sale dell’ospedale fondato dalla beata Maria Lorenza Longo e la storica Farmacia del ‘700, è possibile seguire anche le tracce di Giuseppe Moscati.
L’ambientazione della pièce teatrale, scritta dall’art director di NarteA Febo Quercia, renderà lo storico complesso come un “luogo senza tempo”: forse nessuno si stupirebbe se da un angolo del primo piano apparisse il profilo di un medico “allievo” di Moscati o se la Farmacia fosse attraversata dal fantasma di Domenico Cirillo. L’evento, in orario di apertura straordinaria, offre l’occasione di visitare e conoscere l’intero Complesso degli Incurabili, un luogo d’inestimabile valore e fascino, nonché tra i più antichi nosocomi del Sud Italia. Attraverso il format “teatralizzato” di NarteA, si viaggerà nel tempo con gli attori professionisti Federica Altamura, Andrea Fiorillo e Valerio Napoli che, in abiti storici, riporteranno in vita personaggi redivivi legati alla storia della struttura, alternandosi alla voce dell’esperta equipe di guide del Museo.
Fondato nel 1521 da Maria Lorenza Longo che volle tener fede ad un voto fatto quando era vittima di una malattia che l’aveva paralizzata, oltre ad altre qualità, questo spazio racchiude in se il segno di un tempo, il respiro di un battito ormai andato, che si ferma a guardare le passioni, gli amori, gli ideali che si sono susseguiti nei secoli tra quelle mura. Come mostrano le donne della Buona Morte che sono passate in questo luogo, esiste sempre un tempo per cambiare, o meglio c’è un tempo per ogni cosa: vivere, soffrire, guarire, amare, morire. Un intreccio alternativo nel segno della memoria partenopea, per vivere il momento di fioritura del Rinascimento napoletano fino al periodo in cui la storia di Giuseppe Moscati diventa la leggenda di un uomo che mostra al mondo come si può moltiplicare il potere della medicina con la forza trascendente della carità.

La quota di partecipazione è di € 15,00 per gli adulti e contribuirà alla raccolta fondi per completare l’opera di restauro del Museo: la prenotazione è obbligatoria ai numeri 339.7020849-334.6227785. Di seguito, il trailer dell’iniziativa.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.