Stai in contatto

Identità

CONCERTO PER PINO / L’intervento integrale di Maurizio de Giovanni: che commuove il popolo di Napoli

Pubblicato

il

Maurizio de Giovanni durante il suo intervento per il concerto in memoria di Pino Daniele, al Palapartenope (foto di Mauro Cielo)

Maurizio de Giovanni durante il suo intervento per il concerto in memoria di Pino Daniele, al Palapartenope (foto di Mauro Cielo)

 

Un bellissimo e semplice concerto, senza fronzoli. Ieri in un Palapartenope gremito, sono stati tanti i momenti di commozione nel giorno in cui Pino Daniele avrebbe compiuto 60 anni. Tanti gli artisti che hanno voluto ricordarlo, reinterpretando alcuni dei suoi brani più famosi e affiacando Nello, il fratello di Pino, che per una sera ce lo ha fatto sembrare “reincarnato” solo per il suo popolo. Ma l’intervento che ha commosso maggiormente noi (e chi ci segue) è stato senza dubbio quello dello scrittore Maurizio de Giovanni. Lo abbiamo “sbobinato” integralmente per riproporlo a voi (insieme al video girato ieri). Certi che ci darete ragione….


Dal mare arrivano suoni diversi. Da ogni posto del mondo arrivano in questa città i suoni. Questa città i suoni se li mangia, se li prende e diventano una parte del suono di questa città.

Pino tu lo sai che questa città è cava. E’ vuota sotto. E’ una cassa armonica, come la cassa della tua chitarra, e i vicoli salgono paralleli, come le corde. E sono tutti accordati. E tu, il suono di questa città, di questa cassa armonica, il suono di queste corde, lo hai capito. Lo hai capito mentre cambiava. Sei stato il primo a capire che cambiava il suono di questa città.

Pino tu lo sai che ogni volta che due ragazzi andavano su una spiaggia, ogni volta che di sera ci si sedeva, attorno a un fuoco, per cantare, ogni volta che ci mettevamo su un muretto, c’eri pure tu seduto con noi? Proprio seduto con noi…

Pino tu lo sai che ci hai accompagnato in tutte le trasferte? Una canzone ogni dieci chilometri, sempre le stesse. Andare e venire. Bastava una cassetta sola per tutte le trasferte che abbiamo fatto. Perché noi da casa ci portavamo i panini. E ci portavamo la città. Ogni volta c’eri tu seduto in mezzo a noi.

Pino tu lo sai che ogni volta che la mia generazione farà un sorriso c’è un pezzo di una tua canzone dentro? Tu lo sai che ogni volta che parleremo d’amore – perché noi parliamo ancora d’amore, e parleremo d’amore per sempre – ci sarà un piccolo insegnamento tuo?

Pino io lo so che oggi è il tuo compleanno, io lo so che oggi è il tuo onomastico. Però io ti voglio fare gli auguri per un’altra cosa. Perché oggi è la festa del papà. E tu sei stato il papà di tante di quelle emozioni e sei il papà di tanti di quei ricordi che noi non ce li dimenticheremo mai.

Pino tu lo sai che il cuore di questa città ha una porta sola, solo d’ingresso: nel cuore di questa città si entra, non si esce più. Non è una porta facile da trovare. E’ una porta che noi teniamo conservata, teniamo un po’ nascosta. Sorridiamo a tutti, applaudiamo tutti. Ma entrare nel cuore di questa città è un altro discorso. Non è una città facile la nostra. Sono pochi quelli che sono entrati. C’è entrato un ragazzo argentino, tanto tempo fa… perché il cuore di questa città, e Pino tu lo sai, il cuore di questa città è grande. Ha un suono, ha un battito, ha un colore. E’ il colore del mare e del cielo di questa città. Il colore è azzurro. E il colore azzurro di questa città, Pino, tu te lo porti appresso. E ogni volta che noi guarderemo questo azzurro, Pino tu lo sai: ci stai tu in mezzo.

Maurizio de Giovanni

 

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.