Stai in contatto

Attualità

RIVOLTE SILENZIOSE / Se a Forcella le donne si ribellano ai boss (e nessuno ne parla)

Pubblicato

il

panaro calato

La rivolta silenziosa delle donne anti camorra di Forcella. Talmente silenziosa da non meritare neanche un trafiletto sulla cosiddetta “stampa nazionale” e men che meno nei tele giornali di regime. Gli stessi che, però, sono sempre molto solerti nell’evidenziare “rivolte popolari” in difesa di questo o quell’altro boss arrestato.

Pertanto, abbiamo deciso di raccontarvi la storia rivoluzionaria delle “ribelli” di Forcella, attraverso il racconto pubblicato ieri da Enzo Ciaccio su “Lettera43”. Donne, madri, mogli, sorelle, fidanzate. Stanche. Stanche di figli, mariti, fratelli, fidanzati in carcere o sotto terra.

Dopo la sanguinosa faida e l’ondata di arresti che ha colpito il popolare quartiere partenopeo, queste donne coraggio hanno messo in piedi una vera e propria resistenza contro i boss della camorra che rubano il futuro e la vita dei loro cari.

E lo fanno da sole, spesso contro la stessa volontà dei mariti, della famiglia. E ciò che è più grave e vergognoso, senza l’aiuto dello Stato. Quello stesso Stato che alcune realtà le ha completamente abbandonate, permettendo alla camorra di allungare i suoi tentacoli malefici sui loro figli, spesso minorenni.

Come ricorda lo stesso Ciaccio, le donne coraggiose, da queste parti, lottano da sempre e sempre da sole. Come Matilde Sorrentino, ammazzata in casa sua nel 2004 a Torre Annunziata per aver denunciato i pedofili che violentarono suo figlio. O Teresa Buonocore, stesso destino, per aver cercato di proteggere le sue figlie.

Ore 11, è un mercoledì mattina. Il sole che filtra sornione illumina spicchi di balcone a ringhiera. In via Vicaria vecchia, nelle visceri di Forcella, mamma Peppina, anni 68 e sette figli ormai adulti, urla «come un’ossessa» contro il boss, lo spaccio di droga, la paura, il clima da coprifuoco «che qui comincia all’alba e non finisce mai»: «Basta», intima la donna con lo sguardo rivolto alle finestre socchiuse, «la borsa della spesa so portarmela a casa da sola: non c’è bisogno che i guaglioni mi aiutino perché mi tolga di mezzo e possano spararsi addosso indisturbati. Basta aiuti. E basta sparatorie”.

Questo è il clima che si respira in questi giorni a Forcella. E queste sono le donne simbolo di una comunità che è stanca di ricevere vessazioni da chiunque: dallo Stato, dalla camorra, dalla società “bene”. Normalità si chiede da queste parti. Semplicemente, normalità. Ordinario che qui diventa straordinario.

Facce da bambini, ragazzini strappati troppo presto dal petto delle loro madri, a loro volta, spesso, “donne di mala” o mogli di delinquenti e usati come kamikaze in una guerra che non fa prigionieri.

Sono stanche le donne di questi vicoli, e lo dicono alla loro maniera, come possono.

Non vi racconteremo della faida in corso tra vecchi e redivivi clan. Non ci interessa. Vogliamo dare voce a queste donne ed al loro coraggio straordinario, dato che nessun altro lo fa. La Napoli “insorgente”, quella che si ribella alla malavita non interessa ai media di regime, non fa vendere, non serve da specchio di Biancaneve per un paese marcio e corrotto fin nelle sue viscere.

«Sì, ma adesso basta!», gridano queste donne. Intimano ai ragazzi dei boss di togliersi dai piedi per “la spesa”. E piano piano, l’iniziativa personale diventa rivolta organizzata. Come quella di Emanuela, 24 anni, fidanzata con Nunzio Nardo, scampato ad un agguato, che con un sms dice BASTA: «Stavi a casa con me e con nostro figlio che è piccolo», ha scritto la donna in un sms intercettato dagli inquirenti, «che cosa c’era da desiderare di più? Tu a me non mi hai voluto stare a sentire: tutto questo adesso ti serva di lezione. Non posso che augurarti una buona vita senza di noi».

Decide di facce, di storie, di vite che non abbiamo spazio per raccontare una per una ma di cui non sentirete parlare altrove. Perchè Napoli dev’essere come la vogliono “loro”. Ma noi non ci stiamo. Non ci avrete mai come ci volete. Napoli insorge. Da sola. Napoli è DONNA.

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.