Stai in contatto

Altri Sud

NEWROZ FESTIVAL / Intervista a Jovine: “Io, portavoce sano della napoletanità”

Pubblicato

il

jovine newroz

“Bar dell’Epoca”, quel bar che ha fatto la storia del centro storico di Napoli, suggestivo per la sua posizione strategica che funge da crocevia per tre delle più importanti piazze della città; un caffè, per molti qui considerato “l’oro di Napoli”, persone che vanno e vengono sullo sfondo e in primo piano Valerio Jovine, 38 anni, ex membro storico dei 99 Posse e artista della musica napoletana, della musica di quel luogo, di quelle persone, che molto spesso si fermano per salutarlo esaltandosi per averlo riconosciuto (nonostante le lenti da sole). Siamo capitati in un bar storico, per caso, e allo stesso modo potrebbe tranquillamente definirsi l’intervista che ne è venuta fuori, che ha spaziato tra temi quali la cultura sociale, prima che musicale, per finire a questioni più immanenti quale la sua presenza sul palco del Newroz Festival, in scena dal 25 al 28 giugno alla Mostra d’Oltremare.

Newroz Festival, inteso come il festival delle identità progressive e rivoluzionarie. Come intendi testimoniare sul palco la tua progressione, la tua rivoluzione (sociale, culturale e musicale)?

Come si vede quando un giornalista prepara delle domande particolari alle quali è difficile rispondere! (ride, ndr.) In generale, mi considero un po’ alla Celentano “un cantante ignorante”, ovvero aperto a imparare costantemente. Suono un genere che funziona principalmente in altri paesi, quali per esempio in Giamaica da più di 50 anni; ma quando l’ho portato in tv sembravo quasi un alieno, il pubblico all’inizio non comprendeva o quantomeno non abbracciava totalmente la mia novità. Penso di essere uno degli esponenti musicali che più è riuscito a farsi fautore del “reggae” in Italia; ma prima che in Italia, mi sento portavoce del “reggae napulitan’”, che differisce molto dal “raggae giamaicano” che ho ascoltato, reso mio e reinventato rendendolo parte integrante della cultura napoletana. La cosa fondamentale per me resta scrivere testi che abbiano un senso compiuto, con i quali le persone, ascoltandoli, possano riflettere: il nuovo disco, non a caso, si chiama “Parla più forte” perché, oltre ad essere un esortazione a me stesso dopo aver fatto delle cose particolarmente evidenti e visibili, dopo esser stato 3 mesi su Rai Due (“The Voice Of Italy”, ndr.), è soprattutto un invito a tutte le persone che hanno qualcosa da dire di parlare, appunto, “più forte”, di esprimersi a gran voce.

Oltre a “The Voice”, il tuo resta un volto molto conosciuto nell’hinterland campano, oltre che nell’ambiente meridionale prima e in quello italiano poi.

‘Ma allora perché hai fatto “The Voice”?’, vorresti chiedermi magari; perché la mia musica arriva bene nel sud Italia, ma se in questo periodo posso dire di aver suonato al Teatro Romano a Verona, o che il 28 suonerò a Milano, questo è soprattutto merito del programma televisivo, ovvero estendere il bacino dei miei ascoltatori, e quindi della mia musica, anche al nord Italia. Io ho una sola ambizione, come ho spesso ribadito nel corso dello show: portare la mia musica al di là del mare. Non perché, così facendo, potrebbe cambiare lo stato delle cose, ma perché ne ho bisogno e so che c’è bisogno in giro di qualcuno che dica qualcosa di concreto e non “sole, cuore e amore”.

Che rapporto hai, a livello puramente personale, con le tue radici napoletane?

L’essenza della mia musica l’ho scoperta anche col tempo, ed è proprio l’”essere napoletano”. Quand’ero giovane, agli inizi della mia carriera, sono stato sempre supportato da mio padre che è il mio primo fan. E mio padre avrebbe fatto qualsiasi tipo di sacrifici pur di garantirmi il successo professionale, per esempio trasferendomi a Roma o a Milano che discograficamente sono le capitali della musica italiana, e probabilmente avrei avuto un altro tipo di carriera. Però ho avuto la fortuna di essere nato a Napoli, per cui non mi priverei mai della mia “napoletanità”, a discapito di tutto il resto, e questo lo capii tanti anni fa quando scrissi, fra le altre cose, “’O reggae ‘e Maradona”, che era una canzone che mi apparteneva perché ho vissuto il personaggio a 360° e quindi non ho avuto bisogno di nessun tipo di documentazione per parlarne in modo pertinente. Sono stato il documento di me stesso. Sono il portavoce “sano” della “napoletanità”, di quella Napoli che si impegna per far capire al resto del mondo che non siamo solo munnezza e criminalità, che noi napoletani abbiamo tanto da dire e tanto da dare.

Dal punto di vista delle tracce musicali salienti, invece, si puo’ parlare di vero e proprio documento storico (mai così attuale) guardando alla canzone “Mai più sarò saggio”, in luogo degli eventi accaduti al G8 di Genova del 2001.

E’ stato un evento che ho vissuto in prima persona, o in prima linea, è lo stesso. Il primo disco della mia fascia “reggae”, “Ora”, l’ho scritto allo Stadio Carlini durante le 3 giornate di Genova (19, 20, il giorno della morte di Carlo Giuliani, e 21 luglio 2001), quando non sapevamo ancora nulla di tutto quello che sarebbe potuto succedere e io ero uno di quelli che suonava sui carri. Quando ho vissuto quello che ho vissuto, quando ho sentito gli spari, quando ho visto le persone terrorizzate e quello che è successo alla Diaz, è in quel momento che ho capito che la mia musica poteva avere un senso compiuto. Si potrebbe dire, sì, che ho una buona voce o che ho un buon modo di scrivere, però quando ciò che produci acquista un senso capisci che c’è bisogno di far tenere ben presente alla gente che quello è stato un momento che ha cambiato la mia generazione e che probabilmente ha cambiato lo stato sociale delle cose attuali, nella politica e anche nella risposta della persone in manifestazione; quando si incute timore per una manifestazione pubblica, non si scende più a manifestare. Abbiamo subito una violenza, un crimine che ci portiamo ancora addosso dopo tanti e tanti anni. Per cui, quel disco è stato l’elemento catalizzatore del cambiamento della mia musica, che puo’ farti sia ballare che pensare. Sono completamente contro la musica fine a se stessa, non l’ascolto e non la sostengo; ritengo che ci sia comunque bisogno di leggerezza, ma coadiuvata da un costante rapporto con la realtà.

Quindi la missione della tua musica consiste non solo nel far riflettere, ma anche nel risvegliare le coscienze delle persone, poiché, soprattutto nella nostra contemporaneità, vengono troppo spesso sopite e più propense a dimenticare piuttosto che ricordare. A 14 anni da quell’eventi, come vedi la società attuale, le persone, noi giovani, e riesci a vedere dei cambiamenti per i quali c’è bisogno di una particolare proposta musicale?

Questo potrebbe essere un discorso lunghissimo e infinito, quindi limitiamoci al punto di vista musicale. Siamo in una fase di regressione, ed è voluta innanzitutto dall’”alto”, dai poteri forti, anche nella scelta da parte delle case discografiche di voler fare e proporre un certo tipo di musica funzionale all’intento di voler svuotare la testa della gente. Per me, buona parte dell’hip hop che esiste oggi e che buona parte dei giovani d’oggi ascolta è completamente priva di sensi compiuti e di elementi utili alla riflessione. Questo è il motivo per cui i 99 Posse e Jovine (oltre che altre realtà) hanno deciso di autoprodursi, poiché le major cercano artisti privi di contenuti e testi che non raccontano nulla. Per esempio, è venuta a crearsi, soprattutto attualmente, nello scenario hip hop l’idea del “nemico immaginario”, o del riferirsi a qualcuno per qualcosa che ha fatto, tipo sparatorie e accoltellamenti (ride, ndr.); questo a cosa porta? Sì, a Napoli esiste la camorra, però non voglio raccontare storie che non mi appartengono nemmeno, quindi ho bisogno di parlare di un’altra Napoli, che ha voglia di risorgere, raccontarsi e affezionarsi a musicisti come me, come “’O Zulù” dei 99 Posse; c’è bisogno di coscienza e non di questa continua incoscienza, ci vogliono lobotomizzati e invece noi vogliamo pensare, fino all’ultimo giorno della nostra vita.

Tornando al Newroz, cosa intendi portare sul palco, non solo dal punto di vista della musica ma soprattutto per ciò che riguarda i concetti?

Parte dell’ultimo disco che ho prodotto, uscito il 10 marzo, il quale contiene, per me, tanti significati importanti. Il singolo che sta per uscire, “Fulmini”, tra gli altri, parla di questa voglia di fuggire dalla realtà per poi, in un’analisi compiuta del testo, realizzare che voglio rimanere qui, nella mia terra, e fare del bene qui, dove sono le mie radici; è facile scappare via facendo finta che questa realtà non esista, invece vogliamo cambiarla lottando qua. Quello che proporrò sul palco del Newroz sarà dire qualcosa di concreto, ma divertendosi e ballando, e non ballare e morire come accaduto pochi giorni fa all’Old River Park con quell’episodio di quel ragazzo accoltellato per nulla.

Il Newroz è un evento culturale senza confini. Si richiama il capodanno curdo, eppure ci troviamo qui a Napoli a celebrare con la musica qualcosa che ci è vicino concettualmente. Come lo celebrerai?

In quella sede proporrò quelle che sono le canzoni che sono arrivate più nell’immediato alla gente; è ovvio che “Napulitan” la suoneremo perlomeno un paio di volte (dico così perché ad ogni serata ci capita sempre che il pubblico chieda il bis), come pure suonerò buona parte dei brani del nuovo disco tra cui “Superficiale”, il cui titolo potrebbe trarre in inganno poiché parlo completamente dell’opposto della superficialità. Nella nostra società molto spesso la distinzione tra “bene e male” è vista con occhio superficiale, quindi vince la superficialità rispetto al pensiero ragionato e approfondito. Ci saranno nuove tracce ancora inedite, come “Vivo in un reality show” che parla della mia storia prima e dopo l’esperienza di “The Voice” senza aver mai cambiato nulla di ciò che riguarda me, la mia persona e la mia musica. Proporrò me stesso come propongo me stesso da 12 anni a questa parte.

Luigi Crispino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.