Stai in contatto

Campania

IL CORRETTORE DI NAPOLETANO / Benvenuto in napoletano al San Paolo: accoglienza sì, ma sgrammaticata

Pubblicato

il

(foto Barbara Tafuri)

Ha fatto il giro del web il nuovo messaggio di benvenuto posto all’ingresso dei pullman delle squadre allo stadio San Paolo, e non solo per il suo significato, bell’esempio di sportiva accoglienza in un tempo in cui il calcio viene spesso associato a fenomeni di violenza. Ha attirato l’attenzione anche il fatto che il messaggio, aggiunto in occasione dei lavori allo stadio finanziati dal comune di Napoli, sia scritto in sette lingue, tra cui figura anche il napoletano, finalmente equiparato alle altre per dignità, con un caloroso messaggio:

Ve stevem aspettann

Peccato che la frase sia scritta male.
La grafia corretta sarebbe: Ve stevamo aspettanno.
Innanzitutto, la scrittura senza finali si considera comunemente scorretta, perché la finale c’è ed è la cosiddetta vocale indistinta (più correttamente centrale media), [ǝ] nell’alfabeto fonetico internazionale, che da molti viene percepita erroneamente come un’assenza di vocale. Oltre alla finale, anche le altre vocali non accentate diventano in molti casi indistinte, per cui ad esempio in stévamo troviamo ben due vocali indistinte nelle sillabe che seguono l’accento.
La soluzione che si adotta per rendere le vocali napoletane che diventano indistinte è, come abbiamo già detto nella scorsa puntata del Correttore di napoletano, attenendosi alla grafia storica, di restituire la vocale originaria.
Per stevamo, quindi, si recupera la desinenza -vamo.

Nonostante la bellezza e l’importanza dell’iniziativa, oggi dobbiamo mettere ‘e rrecchie ‘e ciuccio agli autori del testo e al comune di Napoli, che si sono affannati nel documentarsi su tutte le lingue straniere che vengono sfoggiate, per non fare figuracce con gli ospiti, ma non hanno temuto di fare figuracce con la propria lingua e di fronte al proprio popolo.

Teresa Apicella

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.