Stai in contatto

Lingua Napoletana

IL CORRETTORE DI NAPOLETANO / Ca s’magn e nun s’pav’: insegne horror in giro per Napoli

Pubblicato

il

È singolare come gli errori ortografici e grammaticali in italiano siano fonte di stigma sociale: un apostrofo di troppo può marchiare di asineria anche l’autore di un elaborato discorso filosofico, perché c’è sempre il grammar nazi di turno nutrito a pane e T9 a mettere alla gogna il povero malcapitato.

A chi troppo e a chi niente. Perché il napoletano, invece, viene massacrato ogni giorno senza che nessuno alzi un dito.

Gli autori dell’insegna che mostriamo oggi potranno avere avuto molti motivi per scrivere un’insegna in napoletano: uno potrebbe essere quello della salvaguardia dell’identità, di cui la lingua è la componente essenziale; un altro potrebbe essere la volontà di essere vicini ai propri clienti e al loro modo di parlare; un altro ancora, che li contiene tutti, perché più vero, più bello, più immediato.

Qualunque sia stato il motivo, in ogni caso più che lodevole, la drammatica trascuratezza della scrittura finisce per dimostrare una ed una sola cosa: che il napoletano non è una cosa seria, è una lingua sulo pe’ pazzià.

Eppure sarebbe bastato informarsi su opere – e ce ne sono molte – dedicate al napoletano; o chiedere una consulenza a qualcuno di esperto, e anche di quelli ce ne sono molti.

L’errore fondamentale di questa insegna è tra i più frequenti: la sostituzione della vocale finale con l’apostrofo, che crea un effetto particolarmente antiestetico soprattutto quando, come in questo caso, rimangono delle consonanti da sole.
Come abbiamo ribadito in altre puntate del Correttore, è scorretto tralasciare la finale per due motivi: il primo è che la finale c’è ed è una vocale indistinta, o meglio una centrale media; il secondo è che si preferisce la grafia etimologica, che recupera le vocali com’erano prima di confluire nella vocale indistinta.
Non esiste, inoltre, in napoletano alcuna regola che impedisce di avere due consonanti uguali in inizio parola, anzi, per ccà (=qua), la doppia iniziale è obbligatoria.

Proponiamo quindi: Ccà se magna e nun se pava

Teresa Apicella

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.