Stai in contatto

Lingua Napoletana

La “cazzimma” entra nel nuovo Zingarelli 2021 insieme a “blastare” e “terrapiattismo”

Pubblicato

il

Quest’anno la “cazzimma”, parola del napoletano entrata da tempo nell’italiano regionale campano, si potrà trovare nella nuova edizione del Vocabolario della lingua italiana, Zingarelli 2021.

La “cazzimma” sarà aggiunta al nuovo vocabolario, insieme ad altre parole tra cui “azzardopatia, blastare, distanziamento sociale, dojo, nanoplastica, paziente zero, pescetariano, terrapiattismo” si legge nel sito ufficiale dello Zingarelli.

La “cazzimma” spiegata dalla Crusca

Già qualche anno fa l’Accademia della Crusca offriva una dettagliata spiegazione della parola “cazzimma”:

la cazzimma è innanzitutto la ‘furbizia opportunistica’, e colui che tiene la cazzimma è propriamente un individuo furbo, scaltro, sicuro di sé, è il dritto che sa cavarsela, anche se ciò comporta scavalcare gli altri. Ma il termine copre uno spettro di significati o, per meglio dire, di atteggiamenti ben più ampio. La cazzimma può infatti indicare anche semplicemente la ‘cattiveria gratuita’, come spiega, in un suo sketch, il comico napoletano Alessandro Siani, il quale, a un ipotetico milanese che gli chiede: ‘Cos’è la cazzimma?’, risponde così: ‘Nun t’o bboglio ricere, chest’è ’a cazzimma!’, cioè ‘non te lo voglio dire, questa è la cazzimma!’. Inoltre, i blog della rete ci forniscono alcuni esempi dell’uso di cazzimma con una connotazione quasi positiva per indicare una sorta di ‘atteggiamento grintoso, risoluto’”.

Origine della “cazzimma”

Per quanto riguarda l’origine, sebbene Pino Daniele l’abbia definita “un neologismo dialettale in voga negli ultimi tempi”, ricorda la Crusca, secondo Renato De Falco, la parola sarebbe nata “nel linguaggio studentesco-adolescenziale napoletano alla fine degli anni ’50”, ma è probabile che la parola esistesse già prima con altro significato, probabilmente di carattere fisiologico, come formazione della parola per l’organo genitale maschile + il suffisso -imma, derivato dal latino -īmen, particolarmente produttivo in napoletano, in genere con accezione dispregiativa, come in zuzzimma.

Teresa Apicella

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.