Stai in contatto

Lingua Napoletana

IL CORRETTORE DI NAPOLETANO / Pane di mozzarella al centro di Napoli, o forse no

Pubblicato

il

“Pan ’e muzzarell”. Così come è scritto significa “Pane di mozzarella”: è un negozio di alimentari nelle vicinanze di Piazza del Gesù, in pieno centro storico, che presumibilmente non vanta un fantomatico pane latticino tra i prodotti in vendita.
Sul sito internet del negozio la cosa si fa più chiara: l’intenzione era di scrivere Pan’ e muzzarell’. Appuriamo quindi che l’apostrofo apparteneva alla prima parola e non alla e: è stato semplicemente messo di volta in volta a casaccio.
Sarà che l’apostrofo fa tanto “napoletano” e pare brutto se non se ne vede nemmeno uno.
In realtà, qui, non ci vuole nessun apostrofo,  perché si scrive semplicemente:

Pane e muzzarella

Certamente bella l’iniziativa di corredare la genuinità dei prodotti tipici con una lingua che appare altrettanto “genuina”; ma il napoletano, sebbene appaia più spontaneo, non è, come ad alcuni piacerebbe credere, una “lingua senza grammatica”, dove si può dar sfogo alla propria “creatività”.
È vero, nessuno ci insegna come si fa, nessuno ci bacchetta e ci umilia – come si fa, invece, fin troppo con l’italiano – per i nostri errori. E il napoletano sembra essere diventato una sorta di valvola di sfogo della stanchezza per la pignoleria grammaticale che grava sull’italiano scritto.
Ma stiamo attenti, se no finisce che, per fare dispetto ai maestrini dell’italiano, castriamo il napoletano!

Teresa Apicella

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *