Stai in contatto

Economia

INVADENDO MILANO / Salvo, il pizzaiolo che, con Sorbillo, ha conquistato il Nord

Pubblicato

il

pizzaioli

 

Si dice che dal febbraio 1976 all’ottobre 2007 non ci sia stato un solo cittadino, PORTICESE E NON, che non sia passato nella nostra pizzeria  (PULCINELLA di Salvo Salvatore- Girolamo e Gennaro) .

..si racconta pure che NEGLI ANNI D’ORO (1976-2006) io fossi stato in grado di parlare anche con le pietre ma forse questa è solo una leggenda metropolitana.

Gennaro Salvo

Abbiamo voluto iniziare con queste battute, e non potevamo fare altrimenti, visto quel senso di “poesia” che trasmette la sua storia, che sembra uscita da un libro di favole. E’ la storia di un uomo semplice che non si arrende, un maestro pizzaiolo, ma realmente “maestro”, che da decenni porta avanti l’arte della pizza che il papà Girolamo ha saputo trasmettergli, insieme ad un segreto inconfessabile, grazie al quale, quella sua pizza è diventata famosa ovunque. Adesso Gennaro Salvo, volerà verso nuovi orizzonti, nel freddo nord, grazie all’intuizione di un altro uomo che ha saputo comprenderne il talento; in un mondo “usa e getta”, un mondo scevro di amore ed antichi valori, Gino Sorbillo ha capito che c’è ancora spazio per i sentimenti, e quando il saper “fare impresa” coincide con la conservazione di questi ultimi, ci troviamo di fronte ad un’esplosione di amore ed arte.

“C’è ancora un conto in sospeso, li a Portici, un qualcosa che merita di essere ricordato, al Corso Umberto I, 23, – ci spiega Gennaro Salvo – da quando quel disgraziato 26 Ottobre del 2007, fummo costretti a chiudere i battenti, della nostra pizzeria Pulcinella, per la decisione di un giudice, che pur registrando i regolari pagamenti che la mia famiglia, da affittuaria elargiva regolarmente, decise di chiudere quel locale, in quanto, la famiglia dei proprietari di quest’ultimo, dichiararono fallimento. A nulla sono valse le nostre proposte di rilevare il locale, pur avendo tutte le credenziali economiche per poterlo fare, e ancora oggi non si riesce a comprendere come possa morire un simbolo come quello, nato nel 1976, di fronte ad un cinema storico, il Vittoria, dove la gente guardava i film e gustava quella pizza che la mia famiglia produceva da generazioni”.

Quello che quest’uomo, con le lacrime agli occhi, non riesce a comprendere, e’ come sia possibile, che le istituzioni consentano a chi magari e’ “amico degli amici”, di aprirsi un’attività senza grosse difficoltà, spostando il commercio e l’indotto da una parte all’altra della città, quasi in un meccanismo studiato a tavolino, mentre chi ha buttato il sangue, debba stentare e sopravvivere solo grazie alla propria arte, tra mille impedimenti.

Ma Gennaro non si perse d’animo e decise di aprire un’altra pizzeria a Via Stanziale, mentre gli altri membri della sua famiglia prendevano altre strade, sempre in quello stesso ambito.

“La fortuna purtroppo, ancora una volta mi negò le sue grazie, ed i lavori di riqualificazione di quella strada, diedero una tremenda mazzata a quella mia nuova attività, isolandola di fatto, per diversi mesi, il che significa – ci spiega Salvo – morire per la seconda volta, sia pure per ragioni differenti, perchè ogni nuova attività, ha bisogno di tempo per decollare e l’isolamento, anche se dovuto ad esigenze di natura urbana, è profondamente deleterio in quel contesto”.

Seguì un periodo buio, in cui, quest’uomo, iniziò a lavorare per altri, tra sacrifici indescrivibili e sempre con quel pensiero fisso a suo padre che dalla panchina di fronte alla saracinesca chiusa a Portici, fissava quel gioiello di amore ed onestà, che per 30 anni aveva visto accedervi tutte le personalità politiche e sociali, racchiudendo, come in un “teatro”, quella stessa vita, che pullulava nella città della reggia.

Poi, accadde l’incredibile, quello che non ti aspetti, abituati come siamo ad un mondo scandito da ritmi freddi e matematici, successe che il già famoso Gino Sorbillo, proprietario di quel pezzo di cultura culinaria identitaria napoletana, il 13 Novembre 2013, informatosi della competenza, che in quel suo stesso ambito, la famiglia Salvo aveva elargito, non molto lontano da lui, decise di portarlo con se tra le sue fila, perchè “persona per bene, persona d’altri tempi”.

Ed ecco che il sogno diventa realtà; un nuovo progetto sta per partire, Milano e’ la destinazione, ancora una volta Napoli colonizza il nord, in senso buono, con quell’arte di cui siamo diventati i portavoce indiscussi, l’arte della pizza, e indovinate chi dovrà essere in prima fila a tramandare quest’arte???? Lo avete capito, proprio lui, Gennaro Salvo, l’uomo della rinascita, l’uomo semplice in un mondo di squali insaziabili, un uomo che ha insegnato a tanti, che la semplicità, pur con immensi sacrifici, sia pure con il tempo, alla fine paga; perchè “l’artigiano – ci spiega Gennaro – deve vivere la bottega, per trovare ogni soluzione, ogni equilibrio, anche altrove, nel mondo”.

A Largo Corsia dei Servi, ci sarà la pizzeria che Sorbillo e Salvo apriranno a Milano, una nuova sfida da raccogliere, per Sorbillo, che dimostrerà anche a Milano (ne siamo certi), la sua bravura, il suo intuito, ma avrà al suo fianco un “attaccante” di razza, di quelli che non pensano solo a segnare, ma sono disposti a soffrire con la squadra, come Beppe Savoldi, come Omar Sivori, e noi, dal canto nostro, di fronte a questi esempi di amore, passione, arte, ma soprattutto volontà, non possiamo fare altro che dire: “E’ UNA GRAN BEL SOGNO NAPOLETANO…. NON SVEGLIATECI”!!!!!!!!!

Alberto Guarino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.