Stai in contatto

Mitariello

La leggenda della Janara, strega beneventana

Pubblicato

il

“Janara janara ca ‘e notte me piglie, te piglio pô vraccio e te tiro ‘e capille“!

Aversa in tempesta, classica serata da Risiko!, dadi caldi e Kbirr fredde.

Degli amici intorno ad un tavolo si sfidano per prendere quella maledetta Kamchatka

“tira sti dadi su che siamo in una situazione di stallo..”

manco ci fosse una janara...”

no infatti, a’uagliona toja sta a casa”

o’scè” 

che poi oggi si chiama Sleep Paralysis….”

disse gennaro dopo un sorso di birra, aggiustandosi gli occhiali sul naso e sorridendo

“vabbè ia, a gennarò è partito il momento saputello..

attacco con 3 carri armati dalla Cina.

Avete presente quando d’improvviso vi svegliate e non riuscite a muovere un muscolo?

Ad oggi la medicina parla di senso di oppressione, apnee notturne, di paralisi del sonno, tutte cose spiegabilissime.

(anzi probabilmente ad oggi la gente cercherebbe su google le cause, concause, sintomi, arrivando a diagnosticarsi la cicciopelosi (Cit.) e qualche malattia nata dagli incroci fra rettiliani, illuminati e il gelato di casa infante, noto prodotto rettiliano)

Addirittura uno scienziato evidentemente dotato di un suo perverso senso dell’umorismo ha perfino coniato un termine per questo stato:

Sindrome della Vecchia Strega o Sindrome della Old Hag

di cosa si tratta?

Di uno stato che si verifica sempre nel passaggio tra la fase tra sonno profondo, sonno REM e risveglio, Durante la fase REM, quella del sogno il cervello “solitamente” è come se spegnesse del tutto la funzione dei muscoli del corpo. A volte però il cervello non spegne del tutto i sogni o la paralisi, questo crea una situazione quasi di congelamento delle sensazioni e del corpo nel dormiveglia che ha una durata variabile da pochi secondi ad almeno un minuto, con conseguenti allucinazioni.

Questa sarebbe una sindrome chiamata Sleep Paralysis. O come scritto prima “Sindrome della Old Hag.”

tiro dei dadi d’attacco, 5-3-6.

Nel dialetto locale la parola Janara deriva dal termine “janua” ovvero “porta” ovvero insidiatrice delle porte, capace di introdursi nelle abitazioni. L’altro nome risale al termine Dianara, cioè Sacerdotessa di Diana, la dea notturna venerata dalla popolazione sannita.

Ma questo nella luminosa età moderna.

 

Ricordiamoci però del contesto in cui i nostri antenati erano costretti a vivere.
Bastava un rumore sconosciuto, lo stormire notturno delle fronde, un sibilo improvviso, na loffa, del sesso sottovoce per non scetare la gnora che vuole la figlia vergine al matrimonio per procurare le più diverse forme di paura.

 

E la superstizione alle volte era l’unico rifugio, l’unica risposta possibile.

quindi all’epoca quei contadini cosa avevano se non zappa, vanga e bestemmie? Su quali conoscenze, su quale logica, su quale medicina potevano contare oltre ai salassi e alle preghiere?
Come potevano difendersi, sia pure a livello empirico o di pura e semplice superstizione?
Semplice.

 

Si difendevano con le scope.

datemi una saggina e vi solleverò il mondo, come ben sanno le mamme e le nonne che le usavo a mò di educazione siberiana ed educatore sociale su figli e nipoti,( terza arma di distruzione di massa dopo la cucchiarella e relativa evoluzione in ferro (a’votapesc), battipanni e il tremendo MO CHE VEN PAT’T SIENT) 

Leggenda vuole che per evitare che una Janara potesse entrare in casa i contadini erano soliti mettere fuori delle porte e alle finestre delle scope di saggina rovesciate o dei sacchetti di sale, visto che era convinzione comune  che la strega fosse costretta a passare tutta la notte a contare i fili della scopa o, in alternativa, i grani di sale o di sabbia fino a quando  il sopraggiungere dell’alba avrebbe poi costretto l’essere ad andar via.

Janara janara ca ‘e notte me piglie, te piglio pô vraccio e te tiro ‘e capille“!

(Bonus track: se poi si riusciva ad afferrane una per i capelli le avrebbe fatto perdere tutti i poteri sopratutto quello di tramutarsi in vento, a quel punto chiunque fosse riuscito a farlo acquistava una sorta di immunità dal loro potere. Roba che nemmeno in legend of zelda)

tiro dei dadi da difesa, 4-3-5

 

e chiudiamo il cerchio.

semplicemente durante questa “paralisi” e in quasi tutti i casi di “sleep paralysis” la vittima si sentiva schiacciare, spesso non riuscendo nemmeno a muoversi, nè a proferire parola, anzi in molti casi avvertiva una presenza maligna, vedendo una figura orribile di megera dai lunghi capelli seduta a cavalcioni sopra il proprio corpo particolare questo simile ad altre leggende sulle streghe chiamate appunto Old Hag della tradizione anglosassone. Ed ecco nascere questa leggenda campana.

Aniello Napolano

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.