Stai in contatto

Attualità

L’incontro con Canzanella e Spiff dopo l’azione di solidarietà. Ma sulle sorti della Sartoria nulla è cambiato

Pubblicato

il

In questi mesi, con Andrea Maresca, Spiff, siamo saliti diverse volte sul terrazzo di Sant’Eligio, dove da qualche anno – grazie a una iniziativa dell’allora assessore alla cultura del Comune, Nino Daniele – la ricca e importante collezione di vestiti di scena creati da questo antico maestro e il suo laboratorio teatrale hanno trovato rifugio.

Un rifugio che, come denunciò per primo il bravo collega di Fanpage Carmine Benincasa, Canzanella sta perdendo per uno sfratto del Comune di Napoli.

Nei giorni in cui Carmine lanciò il suo grido d’allarme, in tanti espressero solidarietà. E più o meno tutti i quotidiani locali – vantando quelle provincialissime progeniture sulla notizia, che per altro non avevano – se ne occuparono con titoloni in prima pagina.

I Cinque stelle, sia in regione che in comune, va detto, furono gli unici a presentare una mozione che impegnava le giunte delle nostre istituzioni a trovare una soluzione.

Ma sono passati più di due mesi da allora.

In questi due mesi, con Andrea, abbiamo pensato di fare un piccolo, modestissimo gesto, di solidarietà concreta. Andrea ha realizzato infatti un ritratto di Canzanella, nel suo personalissimo e delicato stile, mettendolo in vendita per raccogliere fondi, senza ovviamente guadagnarci nulla. E noi, come giornale, abbiamo promosso l’iniziativa.

Risultato: hanno risposto 100 persone e abbiamo raccolto dunque un piccolo, microbico “tesoretto”, che non ridarà serenità a Canzanella ma certamente un poco di respiro a questo 83enne battagliero e dai vivacissimi occhi a spillo, per altro suo attrezzo del mestiere.

Ieri dunque, per l’ennesima volta, e stavolta dopo più di un mese, abbiamo ripercorso le scale di Sant’Eligio e il suo ingresso, transennato come i cortili.

A Canzanella è stato dato lo sfratto, come ad altri nel palazzo. Ma non a tutti. E non si capisce perché. Inoltre è senza luce ormai da mesi. Dunque le macchine non possono lavorare. “Ma tanto lavoro in questo momento non ce n’è” ci racconta lui, mai sconfortato e sempre lucidissimo. Resta una cosa indegna.

Cosa è accaduto in questi mesi? Oltre alle passerelle di esponenti della municipalità, del comune e della regione, pronti a farsi selfie e a fargli promesse, cosa è cambiato?

Nulla, praticamente nulla. Con il Comune Canzanella anzi pare essersi arresto. L’incontro di questa settimana con l’assessore Anna Maria Palmieri si è risolto con un nulla di fatto: l’amministrazione gli ha solo proposto due stanzoni dove ammassare le decine di abiti, che ormai stanno andando in malora anche per le condizioni precarie di Sant’Eligio. Progetti? Nessuno. Proposte per salvare quest’arte e il suo lavoro? Zero.

Sulla Regione, invece, ha ancora un pizzico di fiducia. Aspetta notizie in questi giorni.

Quel che è certo è che a due mesi dalla denuncia di Carmine (“uno dei pochissimi giornalisti che si fa sentire sempre”, ci racconta ancora don Vincenzo) non è cambiato praticamente niente.

Dunque è stato bello vedere gli occhi di Canzanella illuminarsi per una mattina, perché almeno i cittadini, quelli comuni, come noi, hanno pensato in questo periodo di pandemia di fare un piccolo gesto solidale. Nel video i suoi ringraziamenti a chi ha partecipato a questa iniziativa solidale e le parole dell’artista grazie al quale è stato possibile tutto questo, Spiff.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *