Stai in contatto

Attualità

Revenge porn: la zona franca dei gruppi Telegram e la feccia umana spesso impunita

Pubblicato

il

Vestono in giacca e cravatta e mostrano, in strada e in ufficio, la loro particolare dedizione al lavoro. Magari partecipano a Messa la domenica e indossano la maschera dei perfetti cittadini. Il barista che ci prepara il caffè, il docente universitario o di scuola pubblica, l’impiegato della posta e il cassiere del nostro supermercato preferito: dietro le icone e i nickname che popolano alcuni gruppi privati di Telegram potrebbe esserci chiunque.

Persone comuni che condividono i nostri stessi ambienti e che, dietro lo schermo di uno smartphone, si trasformano in animali senza etica e buon senso. Criminali, perché è questo il nome che si attribuisce a chi compie gesti illegali, che chiedono l’ultimo video porno di tendenza, disposti a pagare per godere sulle foto di minorenni rubate dai profili Instagram. Adulti che chiedono contatti delle vittime di turno. Ragazze, spesso giovanissime, gettate nella mischia come cadaveri in pasto agli sciacalli.

E non manca nemmeno chi chiede di ricevere video pedopornografici, o propone scambi di filmati per ottenere in cambio “video di incesti reali“.

La piattaforma di messaggistica istantanea fondata dall’imprenditore russo Pavel Durov, rappresenta, ancora oggi, la più illegale frontiera della pornografia. Uno spazio di confine nel quale, sembrerebbe, non esistano leggi vigenti e ognuno si sente libero di chiedere e far ciò che vuole con la certezza di restare impunito.

Nella fossa dei leoni

Siamo entrati in alcuni gruppi Telegram. La prima scoperta agghiacciante è legata al numero di partecipanti: una cloaca di feccia umana capace di raccogliere anche 60.000 utenti per gruppo.

Qualcuno, tra i contatti, non avverte nemmeno il bisogno di nascondere la propria foto del profilo o di utilizzare un nickname diverso da quello reale.
E basta davvero molto poco, qualche veloce occhiata alla chat, per rendersi conto di quanta violenza e aggressiva pulsione abiti quelle persone. Sono malati, non avremmo altri termini per definirli, affamati di video e foto condivisi senza consenso delle protagoniste. Gente disposta a tutto pur di accaparrarsi il contatto Instagram di qualche ignara minorenne che, senza colpa alcuna, finisce come un pezzo di carne lanciato nella fossa dei leoni.

E le ragazze sono indicate con il loro anno di nascita. Non importa nient’altro, solo che siano giovanissime. Corpi senza anima e sentimenti, bambole gonfiabili, manichini virtuali senza vita: è questa la considerazione più diffusa su queste persone.
E magari, a chiederle certe cose, ci sono padri, fratelli, nonni che mai consentirebbero, in alcuni casi, di dare in pasto a certe bestie le loro familiari. In alcuni casi, ripetiamo, perché tra questa gente c’è pure chi si dichiara disposto ad offrire sorelle, cugine, madri per un po’ di materiale che, secondo loro, valga gesti di questo tipo.

Chi vuole queste due 06?“, scrive un certo Ecik. Oppure “Cerco video tra ragazzini contattate scambio bene” è la richiesta di dio hallah. E ancora, “Chi scambia figlia?“, “Cerco mega incesti mando video moglie” e via con una valanga di messaggi di questo genere tra i quali compare anche un messaggio per le forze dell’ordine: “fanculo la finanza“, scrive un certo Group.

Vittime del Revenge porn: i video più ricercati

E quando balza agli onori della cronaca la notizia di qualche vittima che trova il coraggio di denunciare la violenza del Revenge porn, i gruppi si scatenano. Immediata, infatti, partono le richieste di quegli stessi video che tanta sofferenza hanno provocato nelle protagoniste.

Dopo le vicende legate alla maestra di Torino, la cui storia assurda e drammatica ha caratterizzato il dibatto pubblico per giorni, c’è subito Vito che chiede “Chi ha il video della maestra?“.
E il copione si è ripetuto con la stessa dinamica quando la più famosa Guendalina Tavassi, influencer ed ex concorrente del Grande Fratello, ha condiviso con i suoi follower il suo dramma. La ragazza, infatti, è stata vittima di un furto di filmati hot dal suo cloud personale. Video che, quasi immediatamente, sono stati messi a disposizione degli utenti di Telegram.

Le lacrime e il dolore della maestra di Torino e di Guendalina, la preghiera di non condividere i filmati per fermare lo scempio di cui sono state vittime, rimbalza sui soggetti di gomma di questi gruppi. Nient’altro importa a questa gente se non consumare pornografia totalmente illegale e commentare con un agghiacciante cinismo le immagini in questione.

Pur nel loro dramma, dobbiamo aggiungere che le due donne in questione hanno avuto il vantaggio di poter denunciare ad un ampia fetta di pubblico il reato di cui sono state vittime e di appellarsi al buon senso delle persone, chiedendo di non visualizzare, né condividere il filmato.

Le terribili conseguenze delle molestie online

Bisogna però considerare che non tutte le storie hanno lo stesso potere mediatico di quelle citate. E chissà quante ragazze vittima di questa tremenda pratica, covano in silenzio e nella solitudine il loro dolore e la vergogna per quanto accaduto. E non è raro che molte tra queste donne scelgano di compiere il gesto estremo del suicidio.

Secondo un rapporto di Amnesty International, almeno una donna su cinque ha subito molestie e minacce online. “Il 26 per cento ha denunciato che informazioni personali e private o altri dati sensibili riguardanti la loro persona (il cosiddetto fenomeno del “doxxing”) erano stati condivisi online. Oltre il 59 per cento delle donne intervistate ha detto che le molestie o le minacce on line arrivavano da perfetti sconosciuti“, si legge nel report.

Amnesty International cita anche le ripercussioni psicologiche di questi atti: “Il 61 per cento delle donne che hanno subito molestie o minacce online ha provato diminuzione dell’autostima e della fiducia in sé stesse. Oltre la metà (il 55 per cento) ha provato stress e ansia e ha avuto attacchi di panico. Complessivamente il 63 per cento ha riferito disturbi del sonno. Il 61 per cento delle donne che hanno subito molestie o minacce online ha provato diminuzione dell’autostima e della fiducia in sé stesse. Oltre la metà (il 55 per cento) ha provato stress e ansia e ha avuto attacchi di panico. Complessivamente il 63 per cento ha riferito disturbi del sonno. Oltre la metà (il 56 per cento) ha avuto difficoltà di concentrazione per lunghi periodi di tempo. Oltre la metà (il 56 per cento) ha avuto difficoltà di concentrazione per lunghi periodi di tempo“.

Come non ricordare, in questo contesto, la storia e la vita di Tiziana Cantone. La ragazza aveva scelto di togliersi la vita dopo che alcuni video finiti in rete e diventati virali, l’avevano condannata all’umiliazione della gogna mediatica.

La legge sul Revenge Porn

Appare ormai chiaro, ma cerchiamo di definirlo ancora meglio, in cosa consista il reato in questione. Il revenge porn consiste nella diffusione di immagini o video privati a sfondo sessuale a scopi vendicativi e senza il consenso della persona.

Non è raro che spesso, a macchiarsi di questo reato, siano ex fidanzati o mariti della vittima con lo scopo di rovinare la reputazione e la vita e la dignità della vittima.

Questo tipo di pratica è punito dalla legge grazie all’articolo 612 ter del Codice penale nel quale si stabilisce che “chiunque, dopo averli realizzati o sottratti, invia, consegna, cede, pubblica o diffonde immagini o video a contenuto sessualmente esplicito, destinati a rimanere privati, senza il consenso delle persone rappresentate, è punito con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da euro 5.000 a euro 15.000“.

Del medesimo reato sono colpevoli anche coloro che “avendo ricevuto o comunque acquisito le immagini o i video di cui al primo comma, li invia, consegna, cede, pubblica o diffonde senza il consenso delle persone rappresentate al fine di recare loro nocumento“.

Tuttavia, esistono ancora troppe zone franche. Stando ai dati diffusi dall’organizzazione no profit Permesso negato, in Italia sarebbero ancora 2milioni gli utenti che, in questi gruppi, condividono materiale pornografico non consensuale e minorile.

Il dato rivela una pratica ampiamente diffusa per la quale la percezione è che ci sia ancora tanta strada da fare per, almeno, arginare il problema.
D’altronde, gli amministratori di questi gruppi sono già organizzati per eventuali chiusure dello spazio virtuale che gestiscono. “In caso di chiusura del canale“, si legge di tanto in tanto, “accedere al gruppo di riserva” che viene segnalato attraverso un link di invito. E così che la migrazione della feccia umana che riempie questa piattaforma è pronta a riversarsi in nuovi spazi, pur mantenendo le schifose e vecchie abitudini che, insieme, continuano a fomentare.

Rocco Pezzullo

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *