Stai in contatto

Attualità

In risposta a ‘Le Figaro’ su “Napoli Terzo Mondo d’Europa”

Pubblicato

il

figaro napoli terzo mondo
In risposta a ‘Le Figaro’ su “Napoli Terzo Mondo d’Europa”

Quando mi sono imbattuto nel didascalico sentenzialismo di “Le Figaro” su Napoli, avevo appena terminato di leggere un interessante articolo di discussione, pubblicato dalla rivista “Scomodo”, sul rapporto (secolare) tra la Francia e la sua comunità musulmana.

Al suo interno, in un paragrafo denominato “Separatismo e Segregazione”, veniva descritto il processo di profonda ghettizzazione che, dal secondo Dopoguerra in poi, ha riguardato la popolazione francese di religione islamica.

Una discriminazione sistemica, attuata lungo decenni di politiche sociali, urbane ed economiche che ha dato vita a una generazione di giovani esclusi, invisibili e stereotipati. E la cui dissidenza si è sovente trasformata in terreno fertile per il reclutamento radicalizzante di matrice terroristica.

Vi chiederete: qual è il nesso di riflessione tra i due temi?

In realtà ce n’è più di uno.

Il Terzo Mondo non nasce mai da solo

Il primo, in ordine di importanza, è che se esiste un Terzo Mondo è perché qualcuno lo ha creato, lo ha reso tale e continua, ancora oggi, a ostacolarne ogni possibilità di affrancamento da tale condizione.

La Francia, con la sua ingerenza imperialistica e post-coloniale negli affari del Nord Africa e, più di recente, in quelli del Medio Oriente e della Penisola Araba, ha da sempre costituito un attore di prim’ordine nell’innesco di bombe sociali a orologeria che poggiano le loro basi su elementi di disuguaglianza e di stigmatizzazione che, insediatisi decenni addietro nei territori occupati, hanno preso col divampare con violenza sempre crescente nelle periferie emarginate e dimenticate di Parigi e dei grandi centri cittadini d’oltralpe.

Il secondo punto di contatto, che al primo è inevitabilmente correlato, riguarda Napoli e la sua secolare condizione di Città-Mondo, che ospita, accoglie e riformula, al tempo stesso e in maniera quasi mai coerente, una molteplicità di dimensioni – e di Mondi – difficilmente replicabile e riscontrabile altrove.

Che Napoli non funzioni, non doveva venire a dircelo “Le Figaro”.

Per sostenere che Napoli non sia una Città efficiente, non occorre aspettare l’ennesima classifica di gradimento sulla qualità della vita.

Il “Centro” è tale perché esiste, e divora, la sua “Periferia”

Fossero stati molto meno miopi di quanto si sono rivelati, quelli di “Le Figaro” avrebbero potuto perfino specchiarsi in Napoli.

Avrebbero toccato con mano le devastanti conseguenze delle politiche di accumulazione capitalistica e di polarizzazione della spesa pubblica all’interno del Sistema-Mondo italico.

Avrebbero potuto ammirare più da vicino la perversione insita nell’utilizzo del “criterio storico” per l’individuazione dei LEP e per l’erogazione dei servizi pubblici. Oltre che delle necessarie risorse finanziarie.

Infine, avrebbero definitivamente compreso, o semplicemente osservato, quali possono essere gli effetti di lungo periodo generati (ma anche indotti, se si pensa alle migrazioni interne, ad esempio) da quei meccanismi di mercato con cui il “Centro” si impone sulla sua “Periferia”.

Sia esso un’espressione geopolitica dominante o una classe sociale egemone, generandone la sua arretratezza.

Intrecci e complessità che non possono più essere ignorati

Quanto descritto è ciò che ha fatto e continua a fare la Francia con le sue ex colonie. E che puntualmente, come avranno avuto modo di constatare anche nella redazione di ‘Le Figaro’, adopera nelle sue scadenti e fallimentari politiche di integrazione sociale.

Ed è ciò di cui è (anche) vittima Napoli.

Che di “Centri” e “Periferie”, a sua volta, ne contiene infiniti e in asimmetrica evoluzione tra loro. Carattere, questo, che la rende una polveriera a cielo aperto, colma di rabbia e insofferenza, ma anche carica di solidarietà e di manifestazioni di resistenza.

Per cui se è vero che Napoli è il Terzo Mondo, è perché Napoli rispecchia, senza filtri e mezze misure, tutte le contraddizioni di un modo di governare, rappresentare e declinare il Mondo di oggi – ovvero le sue esigenze e le sue più profonde e intime interconnessioni – che è acritico, e dunque inadeguato, inattuale e meramente utilitaristico.

In una sola parola, un modo superato e da abbattere. Da rispedire indietro al mittente, perché assolve i coloni e getta la croce sulle spalle dei colonizzati.