Stai in contatto

Attualità

Polveriera Vasto, l’appello della Polizia Municipale al Prefetto: “ci vuole lo Stato”

Pubblicato

il

Alla cronaca cittadina abbiamo sempre preferito l’approfondimento. Una linea editoriale dettata dalla ponderata necessità di diversificarci da una narrazione cupa e talvolta sensazionalistica di cui il web è certamente saturo. Raccontare dell’ennesima aggressione subita dagli agenti della Polizia Municipale nel Vasto, a ridosso della stazione centrale di Napoli, tuttavia, diventa un’operazione necessaria, se non altro per gettare un cono di luce in un’ampia porzione della città che vive da anni nell’ombra. Un quartiere la cui sorte non sembra essere cambiata neanche dopo l’inaugurazione della nuova piazza Garibaldi.

L’episodio è avvenuto appena tre giorni fa ed è soltanto l’ultimo di una lunga serie di aggressioni che vedono spesso coinvolte agenti donne, operarive ogni giorno nell’area compresa tra il Vasto e Piazza Garibaldi. La colluttazione ha visto coinvolto un folto gruppo di extracomunitari intervenuti per difendere e tentare di liberare una coppia di rapinatori colti in flagrante dagli agenti della municipale. La rissa scaturita, inevitabilmente, ha fatto in poche ore il giro del web.

Appena 20 giorni fa, due vigilesse in pattugliamento nel Vasto, in via Venezia, sono state aggredite e ferite per aver chiesto a un uomo di indossare i dispositivi di protezione previsti dalla normativa Covid. L’uomo, successivamente arrestato, è stato trovato in possesso di un’arma da taglio lunga 18 centimetri. Bastava un nonnulla affinché una banale richiesta di indossare la mascherina sfociasse nella tragedia.

La reazione della Polizia Municipale

Il Vasto e Porta Nolana sono una santabarbara pronta ad esplodere, e non da oggi. A nulla sono servite le denunce dei comitati e le richieste d’aiuto di commercianti e cittadini. Tutt’altro, il degrado sociale e urbano sembra espandersi ogni anno di più, allargandosi a macchia d’olio sul territorio fino a lambire il centro storico della città.

Una situazione ormai fuori controllo al punto che nella giornata di ieri il sindacato della UIL FPL è intervenuto con decisione indirizzando una lettera al prefetto Marco Valentini e al sindaco Luigi de Magistris. Nel comunicato si denuncia la completa disfatta dello Stato dinanzi a un’emergenza sociale che da anni tiene in ostaggio i residenti della zona e mette in serio pericolo l’incolumità degli agenti in servizio.

“In questa zona – scrivono le segreterie – vivono migliaia di extracomunitari che senza una meta, occupano l’intera zona in un clima di sopraffazione e intolleranza verso le leggi. Un’idea di appropriazione del territorio che con radici diverse, ricalca la stessa metodologia nefasta del malaffare locale.

Ogni giorno i cittadini devono sopportare soprusi e mercati di merce recuperata dalla spazzatura o di dubbia provenienza, in uno stato di degrado e di carenza d’igiene spaventosa. Dall’imbrunire tutto diventa a proprio personale rischio.

In questo ircocervo di marginalità, attività illecite, sopraffazione, di spregio delle norme, la Polizia Municipale ogni giorno assomma aggressioni e feriti in un clima di solitudine. Non si comprende come sia possibile che ancora oggi manchino presidi fissi da parte delle altre forze di Polizia e un coordinamento operativo. Anche un solo richiamo a indossare la mascherina comporta aggressioni, in misura ancora maggiore verso le agenti donna. Non esiste intervento che non veda decine e decine di extracomunitari tentare di impedire controlli e arresti.

Vasto, il comunicato dei sindacati

Il nostro appello a non fare finta di nulla – conclude il comunicato dei sindacati -, nasce dalla consapevolezza che una bomba sociale va disinnescata. Facciamo appello affinché si intervenga, prima che ai feriti quotidiani non si aggiunga qualcosa d’irreparabile per lavoratrici e lavoratori della Polizia Municipale e affinché i cittadini possano credere fino in fondo nella presenza dello Stato.”

L’appello di Lello Cretella del Comitato Orgoglio Vasto

“Chiediamo da anni che la zona sia attenzionata in sinergia tra tutte le forze dell’ordine – è il commento di Lello Cretella, tra i fondatori del Comitato Orgoglio Vasto – negli ultimi anni si sono susseguiti tavoli e Prefetti ma la situazione, purtroppo, resta sempre la stessa. La sola Polizia Municipale, nonostante lo sforzo e l’impegno quotidiano profuso, pur avendo ottenuto notevoli risultati, non può arginare un fenomeno tanto complesso come quello che attanaglia il Vasto e l’area a ridosso della stazione centrale.

Ci troviamo dinanzi all’ennesimo atto di violenza ai danni di personale della Municipale. È intollerabile anche perché il messaggio che passa sarà quello che qui, in questa zona, si può fare tutto. Anche aggredire chi indossa una divisa.”

Genesi del fenomeno Vasto

Il Vasto, verso la metà degli anni ’90, forse a causa della sua prossimità con la stazione Centrale, si apre inevitabilmente al mondo, accogliendo popolazioni di diverse etnie che lentamente iniziano a investire in attività commerciali sul territorio. Le botteghe che precedentemente popolavano il quartiere – assecondando i mutamenti socio-economici dell’epoca – sono andate via via scomparendo, caratterizzando una prima e importante mutazione del Vasto. Le primissime comunità senegalesi insediatesi nella zona vengono immediatamente assorbite dal tessuto sociale napoletano in una simbiosi quasi naturale che renderà il Vasto il quartiere più accogliente e multietnico dell’intera città. Uomini e donne giunti a Napoli per lavorare e i cui figli oggi parlano con naturalezza il nostro idioma. Dopo di allora, per le ragioni che conosciamo, tutto è cambiato. L’eccessiva concentrazione di centri di accoglienza straordinaria a ridosso del quartiere, la presenza sul territorio di comunità africane preesistenti e la vicinanza alla stazione Centrale, attraverso la quale ogni giorno arrivano centinaia di extra comunitari dalla provincia, unite ad una gestione scellerata e approssimativa del fenomeno migratorio, sono le cause di un disfacimento sociale, economico e morale del quartiere che stenta a esaurirsi.

Nel Vasto, così come a Porta Nolana, a ridosso del centro storico UNESCO, l’emergenza lasciata attecchire indisturbata in questi ultimi anni è ormai fuori controllo. Gli episodi di degrado e di violenza sono all’ordine del giorno: le risse, gli schiamazzi, gli accoltellamenti, le bottiglie lanciate in strada, sono il sottofondo assordante che accompagna l’inquieta notte del quartiere. Via Firenze, via Bologna e via Milano su tutte, sono una polveriera pronta ad esplodere da un momento all’altro, con i vari gruppi di extra comunitari di etnie diverse che si fronteggiano quotidianamente per la spartizione delle piazze di spaccio sul territorio.

Sarebbe superficiale soffermarsi sulla questione etnica o, tantomeno, sul colore della pelle. Una parte di questi uomini (oggi diventata manovalanza a basso costo di una camorra inconsistente e alla deriva) ha vissuto un’intera vita nel degrado, alla mercé dei trafficati di esseri umani, costretti ad arrancare sin dalla nascita e abituati a farlo con ogni mezzo necessario. L’errore, semmai, è da ricercare nel modello organizzativo di un’accoglienza speculativa e superficiale che in questi anni si è fatta garante della nascita di un pozzo senza fondo nel quale ammassare tutto ciò che questo spettro di società civile non è in grado di accettare.

Antonio Corradini

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *