Stai in contatto

Sport

Maradona, quel dio umano che aveva scambiato il San Paolo per l’Olimpo

Pubblicato

il

Un amore puro, di quelli che non si possono catalogare né imbrigliare. Il rapporto fra Napoli e Maradona trascendeva il calcio e lo sport, usciva dal San Paolo (oggi intitolato proprio a Diego) e riempiva (e riempie anche oggi) vicoli e strade di suoni e colori, di cori e di murales.

Diego Armando Maradona per Napoli era D10S, un dio sceso in terra per riscattare non solo una squadra di calcio ma un intero popolo. E’ difficile se non impossibile raccontare a parole un rapporto viscerale che andava oltre ogni cosa, oltre anche gli eccessi e le debolezze di un campione catapultato in un mondo troppo complesso per lui.

Maradona era Maradona. E Napoli era ai suoi piedi

E Napoli era ai suoi piedi, capace di perdonare tutto al proprio eroe, anche il tentativo di scappare lontano nell’estate precedente il secondo scudetto, anche il triste finale di un film che avrebbe meritato un epilogo ben diverso.  Maradona era un simbolo, esempio di chi da un vicolo polveroso può diventare il più grande sul pianeta. 

Rappresentava il riscatto di un popolo intero.

Maradona, divino con un pallone fra i piedi nel suo Olimpio che era il San Paolo

Napoli ed i napoletani conservano profonde radici del passato greco-romano nel tessuto urbano come in quello sociale e forse anche per questo un dio così umano, in grado di segnare anche quando a terra ed immerso in un misto fra polvere e fango, ancora oggi è venerato con altarini, fotografie, murales sparsi per tutta la città.

Maradona, così tristemente umano in strada fra i comuni mortali

Maradona era divino quando aveva un pallone fra i piedi, nel suo Olimpo che era il San Paolo e così tristemente umano quando si ritrovava in strada fra i comuni mortali.
Il popolo napoletano il 25 novembre 2020 pianse la scomparsa di Diego Armando Maradona come se fosse morta una persona cara, un intimo amico.

Agli altarini e murales storici in questi mesi se ne sono aggiunti tanti altri. Quasi ogni angolo di Napoli ricorda il legame fra la città di Partenope ed il suo dio umano. Dalla strada di periferia al vicolo del centro antico, fino ad arrivare alla statua appena inaugurata fuori allo stadio Diego Armando Maradona.

Caro Diego, probabilmente sei semplicemente tornato sull’Olimpo della mitologia e da un anno ci guardi da lassù, mentre palleggi con un pallone di cuoio insieme agli altri dei del mito.

E’ passato un anno, ma sei ancora parte integrante di Napoli e del popolo napoletano, ciao Diego.

Foto dal profilo instagram di Maradona

Fabrizio Reale

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *