Stai in contatto

Attualità

SPUTTANAPOLI DI RIZZO E STELLA / Il degrado romano e i centurioni abusivi? Non mafia Capitale ma Camorra

Pubblicato

il

Centurioni abusivi a Roma

Centurioni abusivi a Roma

Siamo alle solite, anche quando propongono un editoriale, Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella, proprio non riescono ad evitare d’inserire Napoli, o qualcosa che ricordi Napoli, nelle loro appassionate disamine.

Sul Corriere di ieri parlano di Roma e del degrado che sta attraversando quella che chiamate Capitale, fra alberghi abusivi, bancarelle, illegalità, cattiva gestione dei turisti, furti, rapine etc.. Ed ecco che all’inizio del loro articolo, nello stigmatizzare un finto “centurione” che ha redarguito verbalmente il cronista del Corriere della Sera, con il grido “Te sparo n’faccia”, allo scopo d’impedirgli di riprenderlo con la videocamera, iniziano ad attribuirgli modi da camorrista, in un contesto in cui Napoli e la camorra non c’entrano davvero nulla.

Si potrebbe pensare che non ci sia nulla di grave, considerando il fatto che, ci piaccia o no, con la parola “camorrista”,  si identificano modi sbagliati di porsi nella società civile, e ci potrebbe pure stare, anche se la si utilizza in un contesto differente da quella Napoli in cui la camorra ha acquisito la sua collocazione identitaria.

Il problema è che chi effettua un tale accostamento conferma un non so che di morboso: perchè Rizzo e Stella sono gli stessi che con quel loro ultimo libro sul meridione, hanno paragonato questa terra ad un promontorio abitato da incapaci, inetti, causa insomma del proprio male, ricevendo fischi e pernacchie in quasi tutte le loro “presentazioni” al sud, anche da persone comuni, non necessariamente laureate , che sono riuscite spesso e volentieri a smentirli con la descrizione di dati e fatti eloquenti.

Ma loro sono fatti così, anche quando effettuano una disamina obiettiva di un “disastro” non napoletano, il richiamo a Napoli non può e non deve mancare.

Alberto Guarino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.