Stai in contatto

News

Nun sputa’ ‘ncielo ca ‘nfaccia te torna

No, non siamo impazziti, e di certo siamo vicini, vicinissimi, alla popolazione della Val Susa vittima dell’emergenza incendi di questi giorni; gente caparbia e ammirevole, che già in passato è stata capace di tenere testa alle avversità e alle ingiustizie di questo mondo. Non ci interessano dunque le lotte intestine tra suddisti e nordisti, non in questi […]

Pubblicato

il

No, non siamo impazziti, e di certo siamo vicini, vicinissimi, alla popolazione della Val Susa vittima dell’emergenza incendi di questi giorni; gente caparbia e ammirevole, che già in passato è stata capace di tenere testa alle avversità e alle ingiustizie di questo mondo. Non ci interessano dunque le lotte intestine tra suddisti e nordisti, non in questi termini, tuttavia, ci danno parecchio fastidio le iniquità, le ingiustizie, i pregiudizi. “Nun sputa’ ‘ncielo ca ‘nfaccia te torna” è una massima napoletana, una delle più abusate, e di certo non è rivolta ai cittadini della Valle piemontese, ma, piuttosto, ad una certa narrazione nazionale faziosa e discriminatoria, quella incapace di analizzare con obiettività giornalistica la cronaca del paese, come se questa avesse una specificità antropologica differente a seconda della latitudine.

Napoli brucia? Inutile accusare lo Stato: al nord tutto ciò non accade.
Il Vesuvio è in fiamme. Chi ha appiccato il fuoco? Persone del posto, ovviamente, criminali che nessuno ha ostacolato e dei quali non si scoprirà mai l’identità per un motivo banale: essi agiscono grazie a una rete di complici che pascolano nella malavita locale, attiva più che mai, e sono al servizio di boss potenti.

Fu il trafiletto pubblicato da un noto quotidiano nazionale durante l’emergenza roghi deflagrata questa estate in Campania; un’accusa forzata, superficiale, stereotipata e scevra da ogni criterio giornalistico, eppure capace di raggiungere migliaia di lettori in tutta Italia e non solo. Sembrava quasi di assistere ad una dissertazione sulla frenologia lombrosiana, un delirante trattato di superiorità messo nero su bianco con supponenza e alla mercé di tutti. Eppure, per buona pace dei cittadini della Valle, con i quali siamo sinceramente solidali, l’altezzosa sentenza del giornale in questione è franata su se stessa come un fragile castello di sabbia lo scorso 10 ottobre, alla vigilia dei primi incendi divampati nelle vallate alpine a ridosso di Piemonte e Lombardia.

“Non abbiamo trovato dispositivi già consumati, ma dispositivi pronti ad agire. – Commenta il ministro degli Interni Marco Minniti al termine del vertice a Torino sull’emergenza incendi – Quindi vuol dire che ci sono state o che si presume che ci possano essere state attività di carattere doloso. Ci sono indagini in corsi, l’elemento doloso non è l’unico ma dominante.”

Dunque, fateci capire, anche in Piemonte si bruciano da soli? Oppure, forse, esistono interessi criminali e speculazioni che determinano ovunque, ad ogni latitudine, certe criticità, a dispetto della geografia e del corredo genetico?

Insomma, forse è proprio il caso di dirlo: ogni mondo è paese.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.