Stai in contatto

Battaglie

PORTICI E’ POESIA/ Fonte d’ispirazione per Marina Romano, giovane scrittrice contro lo scempio “moderno”

Pubblicato

il

10494660_10204341485438694_3248878335255214506_n

La città di Portici, (città della Reggia) ha ispirato, artisti, poeti, persino economisti ed uomini politici. Ancora oggi, traspare l’emozione, anche in una giovane scrittrice, Marina Romano, che ha dedicato a questo importante sito, una poesia davvero intensa nel suo significato, eccola….

Di Marina Romano:

PORTICI Dedicata al mio bene più infelice…….

“Portici, borbonici fasti, destino di lava.
Restituisci il tempo delle corse nel sole,
dell’anima, dell’amore smarriti lungo il porto dolce nauseante volgare.
Ai miei passi la via dei palpiti alitanti, dell’ingenuo sorriso.
Portici, lascia che corra tra le strade deserte, quando spente le risa dei giovani e delle taverne resta il silente rumore di chi monda i tavoli solitari e imputriditi.
Ospitami, invisibile.


Che incontri in te i miei demoni e che ritrovi gli angeli smarriti sul porto dei melograni dell’ultima battaglia.
Li cercherò ancora profanando le vie di bicchieri volgari e vuoti lungo le scale, tra le chiese nel buio splendore del superbo Miglio, tra gli echi lontani del frastuono della musica, nelle preghiere della sera al tuo santo patrono, sui binari senza meta, bella Portici di cui non sono figlia.


Non piangerò nella tua folla dal fascino oscurato: tornerò per imparare a piangere ancora.
Al vespro, Portici non mia, lontana e amata, disperdi nel tuo braccio marino ceneri di tracce mai calcate, di cammini mai da alcuno visti.
Aiutami a cogliere i gelsi bugiardi ed ancora allontanarli.
Ed io andrò via, vivrò nel mio piccolo nome, a passo svelto a cuore lento”.
Marina Romano

Una dedica intensa, che si aggiunge alla consapevolezza di cosa siamo realmente, e ci fa ben sperare, affinchè si possa finalmente liberare la nostra terra, da questa oscura coltre di “omertà” istituzionale, ed instaurare una nuova stagione, basata sull’esigenza di preservare questo “museo” a cielo aperto che ci fu tramandato.

Alberto Guarino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *