Stai in contatto

Attualità

L’EROE DELLA CONCORDIA/Insegnante di Portici ricorda il musicista raccogliendo 80.000 firme

Pubblicato

il

Costa Concordia

Costa Concordia

«Non ce la faccio a vedere Schettino distribuire autografi e tenere lezioni nelle università mentre dello sfortunato ma eroico Giuseppe Girolamo nessuno parla», Antonio Nisita, insegnante di Portici, motiva così la sua splendida iniziativa, una petizione per ricordare Giuseppe Girolamo, 30 anni, di Alberobello (Bari), il giovane musicista che morì (rinunciando alla sua scialuppa) per cederla e quindi salvare un bambino nel naufragio della Costa Concordia.

Il 13 gennaio 2012, Giuseppe stava  intrattenendo i passeggeri durante la cena, la sua era una passione che lo aveva portato a divulgare la sua arte, nel variegato ambiente vacanziero, dei viaggi da crociera. Quando, a naufragio avanzato, finalmente fu dato l’ordine di abbandonare l’imbarcazione, la nave era già pericolosamente piegata su di un lato e molte  scialuppe non erano più utilizzabili, di qui il suo meraviglioso gesto, che conseguenzialmente gli costò la vita.

Due mesi dopo, il 22 Marzo fu trovato il suo corpo senza vita, di qui l’iniziativa di formare  una petizione che ha già raggiunto quota 80.000 firme,  per far assegnare la medaglia al valor civile, a questo coraggioso eroe silente, in un mondo all’incontrario, (secondo il porticese Nisita), un mondo che evidenzia le gesta di chi, come Schettino ha sbagliato, dimenticando chi andrebbe realmente menzionato per dare esempio a questi giovani, sempre più in balia di prodotti preconfezionati dai media, in una quotidianità sempre piu’ scevra  di  solidarietà, altruismo,  fraternità tra esseri umani.

Alberto Guarino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.