Stai in contatto

Cultura

RISO SICILIANO / Eliminato da Cavour torna sulle tavole grazie a uno chef di Modica e un agricoltore di Enna

Pubblicato

il

carmelo floridia

 

Carmelo Floridia è uno chef nato a Modica, vissuto a Milano e poi tornato nella sua Sicilia, per una sorta di richiamo della foresta. Dei prodotti tipici ha fatto una sua cifra, soprattutto oggi che lavora alla prestigiosissima Locanda Gulfi, a Chiaramonte Gulfi, in provincia di Ragusa.

Proprio oggi, su la Gazza Golosa, pagina gastronomica della Gazzetta dello Sport, Floridia finalmente ha dato la lieta novella ai suoi lettori: “Bentornato riso siciliano! La mia regione ne consuma una quantità enorme, seconda solo alla Lombardia, ma fino a due anni fa non ne produceva nemmeno un chicco. Mistero? No, storia. Già Cavour aveva disincentivato il riso puntando sul grano, poi Mussolini aveva bonificato le zone paludose siciliane vocate a questa coltivazione. Così in tivù ho fatto notare che in Sicilia mangiamo tutti i giorni arancini e crispelle eppure non produciamo riso. Il giorno dopo ho ricevuto una telefonata: «Sono Giuseppe Manna di Leonforte. Ho sentito il suo appello. Se mi metto a coltivare il riso, è disposto ad assaggiarlo?». Pensavo a uno scherzo. Invece l’anno dopo mi sono ritrovato il primo raccolto da provare. Buonissimo!
Oggi l’Agrirape, l’azienda di Manna, coltiva Arborio e Carnaroli e cerca dei partner per ingrandirsi e riportare indietro le lancette della storia …
Lui, Manna, quando nel 2011 ha mostrato la sua prima giumella di chicchi di riso, a campo appena mietuto, piangeva. Quel riso rappresentava una rinascita per la sua terra. Già perché in Sicilia il riso è stato coltivato per tantissimo tempo e in gigantesche quantità, importato naturalmente dagli arabi: in arancini e crespelle proprio nell’isola ha trovato il suo miglior impiego.
Poi Cavour, ci raccontano le cronache, volle che il riso fosse prerogativa solo del suo Piemonte e ne bandì la coltura. Qualche decennio dopo il colpo di grazia arrivò da Mussolini, con la bonifica integrale, compresa quella del Principe Moncada che sulla piana di Catania possedeva un feudo impiantato a risaia che si perdeva oltre l’orizzonte.

Quella di Manna è una terra più piccola, dieci ettari, che si trovano in contrada Pirato nell’agro di Leonforte, provincia di Enna, ubicazione a quanto pare ottimale per questa coltura che non può far a meno di una grossa disponibilità di acqua. I terreni sono lambiti dal fiume Criso, da cui, con i dovuti svincoli burocratici, si può attingere acqua tutto l’anno senza commettere reati. E la diga del Lago Nicoletti con acqua a volontà, seppur cara, si trova ad uno schioppo di fucile da questa contrada. Rinasce così questo “Arborio di Sicilia”, da un’idea di uno chef meridionale – Floridia – e da quella di un imprenditore in gamba e legato alla sua terra – Manna.
Anche se la brillatura per ora avviene ancora in Piemonte, il primo test nella cucina siciliana di Floridia è andato, e pare con risultati eccezionali. Non poteva che essere lui, infatti, a battezzare le nuove ricette “…al riso di Sicilia”. Due esempi di determinazione meridionale, quelli di Manna e Floridia, a conferma che l’unione fa la forza, qui al Sud ancora di più.

Lucilla Parlato

 

 

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.