Stai in contatto

Identità

SANT’ANTUONO / A Napoli tra cippo e la tradizionale benedizione degli animali

Pubblicato

il

Cippo borgo Antonio Abate
Quella “d’o cippo ‘e Sant’Antuono” è una delle feste più tradizionali di Napoli. Si tratta dei festeggiamenti in onore di Sant’Antonio Abate (il santo del Fuoco e protettore degli animali) che si svolgono il 17 gennaio di ogni anno.

Ma a Napoli cosa ne resta?


In passato durante la festa di Sant’Antonio Abate, vicoli e strade della città venivano illuminati con piccoli e grandi falò, chiamati, appunto, “cippi” per purificare e scacciare via malattie e malocchi dall’anno appena iniziato. Ci sono ancora quartieri di Napoli che mantengono viva questa tradizione: in particolare, nel quartiere che porta il nome del santo Santo, nei pressi di Via Foria, che i napoletani chiamano “‘o buvero ‘e Sant’Antuono” per la presenza della chiesa omonima nel Borgo. Ma i fuochi vengono ancora accesi anche a Forcella, alla Sanità, ai Quartieri Spagnoli e in genere nei rioni più popolari e quindi identitari.

Cippo borgo Antonio Abate

Il cippo davanti alla chiesa di Sant’Antonio l’anno scorso.

La chiesa di Sant’Antonio purtroppo versa in condizioni precarie e già l’anno scorso non fu aperta per la messa, nonostante la benedizione si sia tenuta ugualmente presso l’ufficio del parroco. Ciò nonostante rispetto all’anno scorso le cose pare stiano procedendo in positivo e si aspetta a giorni il nulla osta del genio civile per iniziare i lavori (ci sono state già le gare di appalto per assegnare i lavori) per riaprire la chiesa, i cui costi per il 50 per cento saranno a carico della Cei.

Anche quest’anno – fanno sapere della Chiesa – le messe si terranno, martedì 17 gennaio, alle 17 e alle 19, alla Chiesa di Sant’Anna in Marconiglio. Però la benedizione degli animali ci sarà dalle 9 alle 20 sempre alla Chiesa di Sant’Antonio, tutto il giorno di martedì 17 gennaio dunque. Alle 20 30 ci sarà lo spettacolo pirotecnico. E poco prima il cippo, come l’anno scorso.

All’esterno le tradizionali collane di taralli nasparati, che una volta si mettevano ai cavalli e agli animali in genere e oggi sono meno usate per questo scopo ma sempre molto vendute.

Questo il video che realizzammo nel corso della festa dell’anno scorso.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *