Stai in contatto

Attualità

IL “FRANGESE” DI CAPODIMONTE / Bellenger e la politica – vincente – degli scambi di opere

Pubblicato

il

A Napoli, lo ha sempre detto, ha imparato il mondo Sylvain Bellenger, direttore da poco più di un anno del Museo di Capodimonte. L’anno scorso (nel video qui su) quando lo intervistammo Drusiana Vetrano ed io, era pieno di idee e voglia di fare. Nel corso di quest’anno, dopo quell’intervista, in silenzio lo abbiamo seguito e apprezzato e qualche volta anche criticato (accogliendo qualche  polemica poi rivelatasi pretestuosissima da chi l’aveva lanciata).

Una cosa Bellenger ce l’ha insegnata secondo me: che lo scambio di opere, per brevi periodi, con le dovute accortezze e con accordi vantaggiosi per entrambi i contraenti, può essere opportunità.

Lo dimostra l’ospitata in corso dell’opera di Veermer “la donna col liuto”, proveniente dal Metropolitan Museum di New York, di cui Bellenger stesso ha curato l’allestimento: insieme al quadro a Capodimonte è stato esposto un liuto del 1644 di manifattura francese, opera del parigino Jean Des Moulins, che viene dal Museo degli strumenti del Conservatorio di Parigi oggi alla Città della Musica della capitale francese e la carta geografica di Willem Blaeu (pubblicata nel 1644) che è stata restaurata, e proviene dall’archivio della Società napoletana di storia patria. Napoletani e turisti che si sono accalcati ad ammirarla in queste settimane lo dimostrano.

Bene, questo per dire che se all’inizio lo avevamo criticato per il momentaneo spostamento delle opere di Caravaggio e di Artemisia, dobbiamo dire che in ogni cosa annunciata allora Bellenger è stato di parola.

Ed è indubbio che il rilancio di Capodimonte, Parco incluso, è davanti agli occhi di tutti (anche delle classifiche di ingressi annuale stilate dal Mibact che danno gli ingressi in netto incremento, con un più 33 per cento rispetto allo scorso anno) e anche se c’è da fare ancora tanto ci pare che la strada intrapresa sia buona (e presto torneremo a ri-verificarlo di persona, sperando nella stessa generosa disponibilità dello scorso anno).

E del resto se, come si sottolinea in un comunicato, non c’è mostra prestigiosa al mondo che non chieda prestiti al Museo di Capodimonte né manuale di storia dell’arte o libro di divulgazione come quelli di Philippe Daverio che non riporti al suo interno almeno due o tre opere della collezione del Museo rispetto al patrimonio non italiano ma mondiale, qualcosa vorrà dire visto che negli ultimi anni il Museo ha vissuto anni di assoluta decadenza.

Il comunicato era però per annunciare che sono rientrati (anche noi forse abbiamo insegnato a Bellenger che è bene far sapere i destini delle opere anche in ritorno) alcuni capolavori della Collezione Farnese, una delle più prestigiose del mondo. Due opere esposte in due mostre che hanno riscosso un considerevole successo di pubblico e critica, ovvero la Trasfigurazione di Giovanni Bellini e la Lucrezia di Parmigianino. E per informare dunque del successo del brand Capodimonte fuori da Napoli e, per l’occasione, ricordarci la storia delle due opere che tornano a essere esposte nella “Farnese”.

 

La Trasfigurazione è stata esposta, dal 7 ottobre 2016 all’8 gennaio 2017, nella prestigiosa sede delle Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari (Contra’ Santa Corona, 25) a Vicenza.

L’eccezionale prestito, concesso dal Museo di Capodimonte, diretto da Sylvain Bellenger,  ha consentito il temporaneo ritorno del dipinto nel suo luogo d’origine, dopo quasi cinque secoli di assenza, in occasione del Cinquecentenario della morte di Bellini.

giovanni bellini capodimonte

Questo magnifico olio su tavola (115 cm x 154 cm) venne molto probabilmente commissionato al maestro veneziano per essere collocato sull’altare della cappella Fioccardo del Duomo di Vicenza. Nel 1613 la cappella venne diversamente destinata e l’opera belliniana rimossa. La si ritrova più avanti nella Collezione Farnese a Parma. Nel 1734 Carlo di Borbone eredita la collezione dalla madre Elisabetta Farnese e anche il Bellini viene portato a Napoli con il resto della prestigiosissima collezione, prima collocato a Palazzo Reale, poi nella reggia di Capodimonte.

 

Con l’avvento della Repubblica napoletana la Reggia nel 1799 viene saccheggiata e anche la Trasfigurazione, la cui qualità pittorica aveva colpito i generali francesi, viene prelevato e destinato oltralpe. Fortunosamente, nella tappa romana, riuscì il recupero dell’opera. Il tentativo francese di appropriarsene si ripete nel 1806, sventato da Ferdinando IV che salva il suo Bellini trasferendolo a Palermo.

Nel dipinto il Cristo trasfigurato, rivela la sua natura divina alla presenza di tre apostoli: egli indossa delle vesti bianche, che hanno il nitore, la trasparenza e la bellezza delle nuvole. Gesù è il centro di tutto il discorso compositivo. L’inquadratura è frontale: le mani aperte, secondo il gesto degli antichi oranti, classico ed insieme cristiano, autorevole e soave. I Profeti conversano con lui della sua imminente passione e morte. Sono posti ai lati di Cristo: a sinistra, Elia, ammantato di rosa; a destra, Mosè, vestito di ocra rosato e rosso con in mano un cartiglio.

Ma a colpire è anche l’ambientazione: un ampio paesaggio veneto e padano, dove sono riconoscibili il campanile della Basilica di Sant’Apollinare in Classe e la Tomba di Teodorico a Ravenna, e dove si vede una campagna solcata da sentieri, sullo fondo di colline e montagne che si perdono lontane all’orizzonte, sovrastate da cieli solcati da nuvole bianche e gonfie nel vento.

lucrezia parmigianino capodimonte

Dalla mostra Lucrezia romana. La virtù delle donne da Raffaello a Reni (Parma, Complesso della Pilotta, 26 settembre 2016 – 8 gennaio 2017) è rientrata la Lucrezia di Francesco Mazzola detto il Parmigianino, uno dei vertici del virtuosismo e degli incredibili effetti ottici della produzione del maestro.

Lucrezia, moglie di Lucio Tarquinio Collatino, venne costretta a subire violenza dal giovane Sesto, figlio del re Tarquinio il Superbo, sotto la minaccia di uccidere lei e un servo per simularne l’adulterio; dopo aver rivelato l’accaduto al padre e al marito, la donna si uccise per il disonore, innescando così la ribellione contro la monarchia e la nascita della Repubblica romana (509 a.c.).

La matrona romana è rappresentata da Parmigianino nel gesto eroico del suicidio, mentre si trafigge con un coltello. La tunica è fermata da uno spillo con la rappresentazione di Diana, simbolo di verginità.

Tra le ultime opere eseguite dall’artista, morto appena trentasettenne nel 1540, la Lucrezia spicca per i preziosismi dorati delle stoffe e dei capelli e per la lucentezza degli incarnati, che sembrano, più che dipinti, intagliati nell’alabastro.

Insomma due storie complete per due opere che spingono sicuramente i napoletani a rivederle o a vederle la prima volta, come molti in questi 12 mesi hanno fatto, scoprendo Capodimonte per la prima volta nella propria vita di partenopei.

Lucilla Parlato

 

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *