Stai in contatto

Ambiente

VOLONTARI PAUSILIPON / Emergenze e burocrazia: si va avanti tra mille problemi per i bimbi della terra dei fuochi

Pubblicato

il

Ospedale Pausilipon

Ospedale Pausilipon

Sono distanti anni luce, dalla satira stereotipata di Crozza e dagl’infortuni giornalistici di Antonio Polito sul meridione, sono gli “angeli” del Pausilipon; un esercito di volontari, che lontano  dalle cronache che vogliono Napoli sospesa in un maccheronico quanto dissacrante racconto, lottano contro i “mulini a vento” di un Paese che affoga nella corruzione di una burocrazia debilitante, che vede soccombere i bambini della Terra dei Fuochi.

I principali obbiettivi che all’Ospedale Pausilipon, necessitano di una immediata realizzazione sono: 1) La riapertura dei ricoveri room; 2) Riapertura della struttura Alma Mater (ovvero quell’area per i bambini in fase, purtroppo terminale); 3) Sostegno all’oncologia chirurgico-pediatrica (con il coinvolgimento di uomini e mezzi); 4) Equiparazione dei bambini oncologici, ai bambini disabili presso le amministrazioni di competenza; 5) Supporto all’Associazione ARLIT, con l’acquisto di un’autovettura per il servizio navetta; 6) Supporto morale e materiale (come ad esempio, la distribuzione degli utilissimi buoni-benzina) a tantissime famiglie dei piccoli eroi su tutti i territori competenti.

L’impresa e’ ardua, il Pausilipon e’ una struttura di eccellenza che non basta a soddisfare la purtroppo crescente domanda di interventi di assistenza ai bambini che necessitano di cure mirate ed immediate. I medici lavorano su turni massacranti,  e sopperiscono alla mancanza di quel supporto logistico ed economico, che oggi più che mai dovrebbe essere la regola, in questo delicato ambito sanitario.

Ma ci si apre il cuore nell’ossevare, come, singole persone, associazioni, medici, professori universitari, gente del popolo, riescano in qualche modo, con le unghie e con i denti, ad ottenere, tante piccole conquiste, coinvolgendo uomini di spettacolo, calciatori, allenatori, e quei pochi uomini politici che si passano la mano sulla coscienza e danno una mano anche loro, magari nel più completo anonimato, si, perchè la politica, quella che dovrebbe dare delle risposte vere, e’ troppo impegnata con la “distrazione di massa” ad oliare, quel  carrozzone elettorale che fagocita ogni energia, a discapito del bene comune.

La Napoli del “fare” e’ sempre pronta a dare risposte, e si gioca la sua partita, contro un mostro burocratico dalle mille contraddizioni, che solo con la competenza, l’intelligenza, la volontà, la dedizione, potranno essere scardinate, in questa permanente guerra di trincea, una guerra che non possiamo permetterci di perdere, per il futuro dei nostri piccoli…

Alberto Guarino

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.