Stai in contatto

Attualità

ALMAVIVA / Nessuna risposta per i 3mila lavoratori a rischio. Mercoledì presidio alla Regione

Pubblicato

il

received_10207729298304698

Il Sud nuovamente colpito dalle politiche sciagurate di un governo che miete più vittime di una pandemia.

Stiamo parlando di Almaviva Contact, la più grande impresa di outsourcing in Italia, che ha annunciato l’apertura della procedura di mobilità per 3000 esuberi nei call center di Roma Palermo e Napoli. Per la sede di Napoli -che, peraltro, si trova in un’area che si sta cercando di rivalutare da anni- saranno in 400 a subire gli effetti della delocalizzazione indiscriminata che ormai sta devastando intere aree del paese.

E dal 2014, i dipendenti sono sotto contratto di solidarietà, pagati al 50%: contratto che puntualmente viene revocato dato il volume di commissioni che l’azienda gestisce e per il quale necessita di personale.

Intanto, per mercoledì 30 marzo 2016, alle ore 9:30, i Lavoratori e le Lavoratrici di Almaviva Napoli hanno organizzato un presidio davanti il palazzo del Consiglio Regionale, al Centro Direzionale di Napoli, coinvolgendo la società civile, il mondo del Lavoro e della cultura, le organizzazioni sindacali e tutti i Lavoratori per sensibilizzare anche e soprattutto gli animi della politica locale, troppo spesso distante e indifferente dinanzi alle istanze dei lavoratori che rischiano di ritrovarsi in mezzo ad una strada, da un giorno all’altro.

Al presidio sono stati invitati il sindaco di Napoli Luigi De Magistris ed il presidente della Regione Vincenzo De Luca.

Intanto il primo cittadino fa sapere della sua vicinanza ai lavoratori di Almaviva, dichiarando apertamente il suo sostegno in questa importante battaglia non solo dei singoli ma dell’intera città di Napoli, sempre più depredata delle sue risorse migliori.

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.