Stai in contatto

Attualità

COLONNA SPEZZATA/”Monumentando” ed il discusso restauro dei privati

Pubblicato

il

La gigantesca immagine di Belen sul lungomare partenopeo

La gigantesca immagine di Belen sul lungomare partenopeo

Il confine tra la necessità, la morale, l’estetica, il conseguimento del risultato, e chi più ne ha più ne metta, e’ davvero labile; in questi giorni, assistiamo alla visione di una devastante  quanto gigantesca immagine pubblicitaria, che diventa un pugno nello stomaco per tutti quelli che apprezzano e vivono uno dei lungomari più famosi del mondo, quello di Via Partenope.

A prescindere dall’indiscussa avvenenza di Belen, testimonial della marca di intimo che a caratteri cubitali troneggia in quella zona in cui sorge la “Colonna Spezzata” dedicata ai caduti del mare,  quella gigantografia pubblicitaria, proprio non va giù a tantissimi napoletani, che si contrappongo a quei tanti che al contrario, approvano questa iniziativa, guardando un “bicchiere” mezzo pieno, rappresentato, da un disagio momentaneo.

Nell’ambito del progetto “Monumentando”, infatti, verranno recuperati 27 monumenti a costo zero, grazie all’intervento dei privati, che in cambio copriranno i monumenti in questione con insegne pubblicitarie dall’enorme portata; un fiume in piena di parole,  riempie i social, tra critiche, proteste, indignazioni, ma anche soddisfazione per chi in maniera lungimirante guarda il lato positivo della vicenda, intravedendo il risultato finale che e’ quello di vedere restaurati molti dei monumenti che purtroppo, allo stato attuale, risultano essere in condizioni pietose.

C’è chi addirittura rimanda al vincolo sulle vedute  imposto dalla Soprintendenza, sottolineando l’impossibilità, da quella zona, di poter osservare Castel Dell’Ovo, fatto sta, che in un periodo di “vacche magre”, come questo, di fronte alle ingenti difficoltà che i comuni si ritrovano ad affrontare, e considerato il totale abbandono istituzionale, che non permette di recuperare i nostri monumenti in maniera differente da questa, non si può fare altro che sopportare, sia pure a denti stretti, la gigantesca visione “consumistica”, che non si sposa affatto,  con Napoli, con i suoi panorami, il suo centro storico, etc… sperando e vigilando, sul ripristino di tali monumenti, nel più breve tempo possibile, almeno questo.!

Alberto Guarino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.