Stai in contatto

Attualità

CORONAVIRUS / Facciamo chiarezza sulle mascherine

Pubblicato

il

Serve indossare la mascherina per combattere il coronavirus? E quante ce ne sono o ne servirebbero? Devono indossarle tutti o solo il personale medico? E qual è attualmente la situazione in Italia, dove sono introvabili, soprattutto per la popolazione?

Sul sito del ministero della Salute, vengono fornite delle indicazioni che fanno riferimento alle direttive dell’Organizzazione mondiale della Sanità. Citiamo testualmente: “L’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda di indossare anche una mascherina solo se sospetti di aver contratto il nuovo coronavirus e presenti sintomi quali tosse o starnuti, oppure se ti prendi cura di una persona con sospetta infezione da nuovo coronavirus. L’uso della mascherina aiuta a limitare la diffusione del virus ma deve essere adottata in aggiunta ad altre misure di igiene respiratoria e delle mani… la mascherina non è necessaria per la popolazione generale in assenza di sintomi di malattie respiratorie”.

E Walter Ricciardi, consulente del ministero della Salute e componente del comitato esecutivo dell’Oms, partecipando alla trasmissione tv di La7, DiMartedì, aggiunge: “Le mascherine chirurgiche, quelle di garza per intenderci, servono al personale sanitario e ai chirurghi per evitare che le goccioline di saliva cadano sul campo operatorio. Servono a proteggere i pazienti e a proteggere gli altri dai pazienti. Quindi non servono a proteggere i sani che non hanno nessuna protezione nei confronti del virus che penetra attraverso quei fogli di garza e quindi non proteggono”. In pratica per l’Oms solo le mascherine FFP2 e FFP3 hanno un’efficacia filtrante rispettivamente del 92% e del 98%.

Ieri in conferenza stampa il capo della protezione civile Angelo Borrelli, a domanda di un giornalista, ha risposto che “su base mensile il fabbisogno dell’Italia è di circa 90 milioni di mascherine” non escludendo a priori che che le regioni possano approvigionarsi da sole.

Al momento l’Italia, ha spiegato, ha chiuso contratti per 55 milioni di pezzi di cui solo 5 effettivamente consegnate. Altri 20 milioni di mascherine – che per vari motivi non sono arrivate, anche per la chiusura delle frontiere alle esportazioni da India, Romania, Russia –  non sono “computate” in questo numero, ha spiegato Borrelli. Insomma all’appello ne mancherebbero 35 milioni.

Proprio stamattina la Consip, la centrale di acquisti per le forniture della Pubblica amministrazione, ha fatto sapere in una nota di aver già ordinato, con 3.800 ventilatori polmonari, anche 30 milioni di mascherine chirurgiche.

https://www.acquistinretepa.it/opencms/opencms/scheda_altri_bandi.html?idBando=f9dad4144ed05840

E sempre ieri il ministro degli esteri Luigi Di Maio, in un’intervista a Rai News 24 ha spiegato “importeremo 2 milioni di mascherine dalla Cina e centinaia di ventilatori polmonari”.

Ma nonostante il bando Consip e le mascherine in arrivo dalla Cina, non arriviamo a 90 milioni. Che sono, a sentire Borrelli, il fabbisogno su un solo mese.

In questa situazione allarmante di mancanza di mascherine (e non solo), la Protezione Civile ne invia 250.000 alla Regione Lombardia che cordialmente le rispedisce al mittente: “sono fazzoletti di carta igienica” sbotta l’Assessore al Welfare Giulio Gallera.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/03/14/coronavirus-appelli-in-tutta-italia-mascherine-mancanti-o-difettose-il-ministro-speranza-garantire-protezioni-al-personale-sanitario/5736839/

Borrelli chiarisce che tutti si stanno adoperando per provare a reperire il materiale che occorre, in ogni modo. Regioni comprese. Dalla Campania arriva la denuncia di De Luca per un carico di 70.000 mascherine reperite presso l’azienda Ambra (italiana), “bloccato” dalla Protezione Civile o dalle forze dell’ordine. Il Consigliere regionale Valeria Ciarambino e il Senatore Vaccaro (M5S) smentiscono il “blocco” del carico (la prima bollando la notizia addirittura come fake news) adducendo una semplice “modifica delle priorità di consegna da parte dell’azienda”.

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=1438042593023430&id=284092641751770

https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/cronaca/20_marzo_13/de-luca-sequestrato-nostro-camion-mascherine-ridatecele-o-guerra-4c37aede-6548-11ea-98c8-d8df2249ba6f.shtml

Che in realtà non sgombra il capo da dubbi di ingerenze dello Stato nella corsa agli approvigionamenti. Nè ci pare sufficiente la risposta di Borrelli sulle “polemiche prive di fondamento”: lo Stato che lui rappresenta dovrebbe dare in questa fase risposte chiare e certe.

La stessa denuncia di De Luca, del resto, è stata fatta dalla Fondazione della Comunità Bresciana e dal Giornale di Brescia che hanno lamentato il blocco di una fornitura di 500.000 mascherine ad un’azienda locale per mancata autorizzazione della Protezione Civile

https://www.giornaledibrescia.it/brescia-e-hinterland/pressing-sulla-protezione-civile-per-le-mascherine-bloccate-1.3466919

la quale poi smentisce. Il Giornale di Brescia poi chiarirà dicendo che la loro raccolta fondi ha superato i 9 milioni di euro e che c’è stato problema solo per quell’ordine da 170.000 euro perché l’azienda “ha dovuto fermare l’ordine in attesa di capire come potesse soddisfare la fornitura richiesta dal comitato AiutiAMObrescia e al contempo quelle sollecitate da Protezione civile Nazionale e Regione Lombardia che, in base alle norme, hanno priorità assoluta”.

https://www.giornaledibrescia.it/storie/coronavirus-il-punto/aiutiamobrescia-e-il-nodo-mascherine-facciamo-chiarezza-1.3466965

L’Associazione non è l’ente regionale, e quindi ci sta.

Riassumendo: servono 90 milioni di mascherine SOLO PER PERSONALE SANITARIO E PARASANITARIO. Senza pensare ai cittadini. E le mascherine non ci sono.

All’estero bloccano le forniture perché pensano a trattenerle per sé, come fa anche l’Italia, che ha bloccato 800.000 pezzi diretti in Svizzera.

https://www.lastampa.it/milano/2020/03/13/news/sequestro-record-a-brogeda-di-mascherine-e-guanti-prodotti-in-italia-e-diretti-in-svizzera-1.38589236

Sembra però che con la Cina si sia aperto un canale importante. Sono arrivate le prime “donazioni” alle quali faranno seguito, come promesso, priorità nell’evadere i regolari ordini che l’Italia sta facendo alle aziende cinesi.

https://www.ilsole24ore.com/art/coronavirus-ultime-notizie-mef-differiti-versamenti-scadenza-16-marzo-bozza-decreto-38-mld-mutui-pmi-e-banche-abolire-esame-abilitazione-i-medici-AD0rQKD

“La nostra priorità è far lavorare in sicurezza medici, infermieri e tutto il personale sanitario che con coraggio e spirito di abnegazione si sta prodigando per la cura dei cittadini, dedicandosi a questa emergenza sanitaria senza risparmiare energie”. Così il premier Giuseppe Conte sempre questa mattina. “Come governo – aggiunge Conte – siamo strenuamente impegnati – e io stesso attraverso contatti con i miei omologhi – per procurare in tempi brevissimi i dispositivi di protezione che consentano loro di lavorare in massima sicurezza. C’è massima attenzione per la situazione in Lombardia”.

Ma, in tema mascherine, c’è da affrontare un punto mai chiarito: ai cittadini servono?

Due giorni fa è arrivato in Italia uno staff medico da Whuan che resterà in Italia dieci giorni per dare suggerimenti nell’affrontare l’emergenza.“Da quanto abbiamo potuto vedere fino ad ora, e in base alla nostra esperienza, per strada ci sono ancora troppe persone e comportamenti da migliorare” hanno detto Liang Zongan e Xiao Ning, rispettivamente professore di medicina polmonare all’ospedale di Sichuan e vicedirettore dell’Istituto nazionale delle malattie parassitarie e del centro nazionale per la prevenzione, arrivati giovedì notte a Roma. “In base alle prime valutazioni, ci sono atteggiamenti da migliorare: non tutti coloro che stiamo vedendo in strada portano le mascherine o le portano in maniera corretta” spiegano i due medici. Dunque secondo i cinesi tutti dovremmo portare le mascherine.

https://www.huffingtonpost.it/entry/ci-sono-ancora-troppe-persone-per-strada-e-comportamenti-da-migliorare_it_5e6cc3b5c5b6dda30fc9dcd0

Nessuno ci ha detto, fino ad ora, tranne i cinesi, che le mascherine servono a tutti. Perché? Ad oggi sono solo 4 le aziende che in italia producono prodotti Dpi (prodotti di protezione individuale).

Tant’è che ieri sera il governo ha fatto trapelare che sta elaborando un protocollo che autorizzerà la produzione in Italia di mascherine non sanitarie per i cittadini e i lavoratori non sanitari. Sul materiale da usare c’è già l’autorizzazione del comitato scientifico. Insomma potrebbero arrivare norme che ne agevolano la produzione nel nostro Paese e anche Borrelli ieri non ha escluso l’ipotesi di riconvertire strutture per la produzione di mascherine non medicali. “Purtroppo non abbiamo attualmente una produzione nazionale perché in passato è stata considerata di basso margine per gli operatori economici e quindi ora ne abbiamo le conseguenze. E’ compito del commissario Arcuri – ha spiegato – individuare strutture che possano essere riconvertite per la produzione”.

Quattro in realtà sarebbero in Italia le aziende specializzate a produrle, ma parliamo di aziende medio piccole, inadatte a rispondere ai fabbisogni nazionali, come ha spiegato nei giorni scorsi uno degli imprenditori che le produce al Giornale .

https://www.ilgiornale.it/news/cronache/verit-sulle-mascherine-1840529.html

In conclusione, se ci spiegano che le mascherine semplici, quelle medicali (non ffp2 ed ffp3) non servono per i sani ma solo per i portatori, sembra chiaramente deducibile (considerando che è ragionevole che ci siano tanti portatori sani asintomatici visto che il tampone l’ha fatto lo 0,1% della popolazione) che portandola tutti si limiterebbe di certo il contagio.
Ma noi siamo 65 milioni, e le mascherine sono monouso. Pertanto, se non si riescono a recuperare 90 milioni di mascherine al mese per il personale sanitario, figuriamoci 65 milioni di mascherine al giorno. La mascherina limita chi ha il virus dal diffonderlo? Allora visto che in tanti, troppi, non sanno se lo hanno o meno, proteggersi può solo essere utile, in qualunque modo.
Ce lo dicono i cinesi, ma ce lo dice anche la logica e il buonsenso.

Maurizio Zaccone
Lucilla Parlato

 

(la foto è di Sergio Valentino)

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.