Stai in contatto

Attualità

DE MAGISTRIS & CO. / La gente chiede il pane, gli danno gerani. La sinistra borghese vs la fame di Napoli

Pubblicato

il

La gente di Napoli ha fame. Ha problemi seri. In tanti sono sull’orlo del baratro. E senza risposte.

Sulla posta di Identità Insorgenti ci arrivano segnalazioni gravissime ogni giorno. Anche il nostro giornale, così come molte associazioni, spazi occupati, gruppi di volontari, in questi giorni fa un po’ da sportello di assistenza a chi non ce la fa più. Chi si rivolge a noi viene indirizzato sempre a gruppi autonomi, a volontari e spazi sociali sparsi nei quartieri.

I numeri d’emergenza del Comune infatti funzionano poco, male e spesso non rispondono (esperienza diretta e anche esperienza di tanti napoletani che ce lo hanno testimoniato in queste settimane).  Non solo: per il buono spesa i criteri sono stati talmente stringenti che molti di quelli che non ce la fanno più non possono accedervi, come vi abbiamo raccontato ieri nell’analisi dell’Opg.

Senza parlare del “pacco alimentare” che arriva dalla mostra d’Oltremare. Un nostro lettore ci ha inviato la lista di quello che contiene: veramente poca roba, che non riuscirebbe certo a sfamare una famiglia di quattro persone per più di 24 ore (parliamo di: un pacco di pasta, uno di pomodoro, uno di caffé, un olio di semi, una colomba e un chilo di mele).

Per fortuna esiste il volontariato e quel grande cuore di Napoli che sembra retorica pura e folklore anche nelle narrazioni esterne sulla città di cui si è fatto simbolo nel mondo il cesto di Santa Chiara calato dal “Pazzariello” Angelo Picone per raccogliere generi alimentari, condiviso da Madonna e raccontato da The Guardian e che rappresenta alla perfezione il modo di vedere del nostro popolo. Ebbene quel grande cuore di Napoli esiste, palpita e mai come in questi giorni si è rivelato l’unico salvavita per le persone in difficoltà.

La gente di Napoli che sopravvive grazie alla solidarietà

Dai ragazzi di Sgarrupato (di cui fa parte anche il nostro Sergio Valentino) a quelli di Barra e San Giovanni a Teduccio che hanno consegnato 3mila spese fatte di propria tasca, grazie alle donazioni della gente del territorio, gli esempi sono per fortuna decine e decine e ci ripromettiamo un approfondimento più ampio nei prossimi giorni per raccontarveli tutti (anzi segnalateceli se non siete già in contatto con noi).

La gente sta sopravvivendo solo grazie alla solidarietà dei napoletani. E lo dico senza paura di essere smentita. Me lo confermano i tanti che quei pacchi li consegnano e che da giorni la povertà la guardano negli occhi, abbracciandola e portando un piccolo aiuto.

Abbiamo un’amministrazione comunale del tutto inadeguata a fronteggiare l’emergenza, con un sindaco che ieri si speticava sulla sua pagina fb a raccontarci la magnificenza della sanificazione delle strade – per altro non utile contro il virus, come ammesso dalla stessa presidente Asia Maria De Marco in commissione poche settimane fa – mentre il vero problema è l’inefficacia delle misure intraprese (a tutti i livelli, non certo solo comunale) per combattere la fame, i buoni spesa la cui platea deve essere allargata, i problemi di affitto, le tasse e i debiti che si accumulano per chiunque.

Tanto per dirne una: ieri ci è arrivato l’appello di una mamma di un bimbo di 24 giorni – 24 giorni – da Barra, in difficoltà. Siamo riusciti ad aiutarlo grazie alla catena di amore che si è subito scatenata: tutti volontari ovviamente, gente come Paola che ha iniziato a raccogliere soldi e a ordinare e spedire pannolini e latte via amazon… L’amministrazione li aveva tenuti fuori dalla platea di indigenti… e non ha dato risposte a questa famiglia di 6 persone per motivi puramente burocratici. E’ un esempio tra decine e decine che ci sono stati segnalati in queste ore.

Problemi che, ci rendiamo conto, non possono essere risolti tutti dall’amministrazione comunale ma che, visti alcuni episodi recenti, sembrano molto lontani dalle preoccupazioni di sindaco e assessori…

I gerani nei pacchi alimentari del Comune di Napoli

Ieri ad esempio l’assessore al Verde Luigi Felaco (con deleghe a qualità della vita; decoro e arredo urbano; politiche di contrasto al degrado; creatività urbana; beni confiscati; agricoltura urbana; coordinamento funzionale delle partecipate operanti nei settori di competenza) ci ha fatto sapere che nei pacchi alimentari i napoletani si troveranno una pianta di gerani, dono di una cooperativa.

“Vuole essere un segnale di speranza, rinascita e testimoniare il sentimento di cura dei cittadini nei confronti di tutto ciò che resta vivo, bello, che fiorisce o fiorirà. Basta con una certa comunicazione tossica in grado solo di dipingere i beneficiari di misure di solidarietà come soggetti passivi assistiti. Aver preoccupazione e cura, aiutare un altro essere vivente a sopravvivere, responsabilizza tutti, infonde fiducia” scrive il visionario Felaco.

Sotto sono napoletani e volontari a dirgli cosa ne pensano. “Onestamente, la trovo un’idea davvero ridicola: la gente non ha cosa mangiare, sono disperati, hanno bisogno di sapere come pagare il pigione, e voi gli offrite una pianta di gerani? Geniale! E che se ne fanno, lo preparano all’insalata per offrirlo ai figli, o lo propinano al padrone di casa in sostituzione del fitto? Ah, no, forse gli serve per pagare la corrente … Ma vi volete mettere nei panni di chi sta col sangue agli occhi, o volete solo prenderli in giro? Con quello che vedo ogni giorno distribuendo spese solidali acquistate grazie alla generosità dei privati, questo è un vero e proprio schiaffo alla miseria!” commenta proprio Sergio Valentino, che da giorni distribuisce spese ai poveri sempre solo grazie a donazioni di volontari con Sgarrupato.
E aggiunge Antonella Ferrigno: “Un gesto bello in un altro momento magari, in questo momento la gente ha bisogno di cibo e di pagare le bollette, magari se al posto dei geranei ci mettevate un kilo di pesce o magari 100 euro in contanti per pagare almeno una bolletta non era meglio”. E ancora, Vincenza Muto, che dirige CantoLibre: “La trovo un’idea stupida e ridicola. Invece di allargare la platea delle persone a cui dare aiuti, voi, pensate di mettere una piantina nella spesa per salvaguardare la bellezza? Ditemi che state scherzando e che per governare questa città avete altre qualità oltre il senso dell’umorismo. Ci sono persone che non lavorano con la minaccia di sfratto, senza soldi per le bollette, che non hanno alcun aiuto economico e voi li prendete anche in giro con queste idee? Per salvare la bellezza, aiutate le persone che sono in difficoltà e solo dopo potete regalare piantine. Ridicolo”.

Ecco, a Felaco suggeriamo di prendersi cura di aiuole e parchi pubblici, che è la sua competenza. Alla quale assolve malissimo… come è sotto gli occhi di tutti. E di pensare a dare risposte serie per il futuro quando riapriranno i parchi…

Il sindaco vuole ripartire da cultura e turismo

Sulla posta dei giornalisti, invece, continuano ad arrivare comunicati quotidiani di riunioni di commissione (al gettone non si rinuncia e nemmeno allo stipendio, tranne che – va detto – da parte del sindaco che ha deciso di dimezzarselo, mentre non si registrano “donazioni” dei “compagneros” eletti).

Comunicati che spesso dicono il nulla – non per colpa dell’ufficio stampa ovviamente, ma dei protagonisti che vi partecipano – per cui alla fine l’unica a parlare di necessità di liquidità e di reali esigenze è la solita Laura Bismuto nel bla bla vuoto del resto della band.

Il sindaco invece ci regala qualche comparsata tv dalla D’Urso e su altri programmi di uguale rilievo giusto per parlare di San Gennaro, che quest’anno non sfilerà come in ogni prima domenica di maggio, o della mancata consegna di pastiere per polemizzare con De Luca.

Ieri, in un pezzo di Paolo Cuozzo sul Corriere del Mezzogiorno, ha fatto come al solito polemica contro il governatore. Tema: la grande preoccupazione di tutti, il cibo da asporto.

Scrive Cuozzo che il sindaco di Napoli si dice pronto a ripartire il 4 maggio. Puntando su cosa? Su turismo e cultura.

“Napoli – dice de Magistris – negli ultimi anni è stata la città che maggiormente è cresciuta per la cultura e turismo. Per noi lo stop di questi settori è una grande botta perché quell’economia  che ruotava attorno a turismo e commercio ha preso sicuramente una mazzata ma noi ripartiremo da lì. Stiamo programmando l’estate mettendo al centro proprio la cultura che è arma di riscatto, ripartiremo dagli spazi della socialità, della bellezza. E proveremo a dimostrare che stare all’aperto, finita l’emergenza, sarà sicuro pur con tutte le cautele dovute. Ma Napoli ha spazi importanti, stiamo al lavoro sulla ripartenza perché aspettare renderebbe tutto più complicato”.

Turismo? Cultura? Ma dove? Ma come? E cosa vogliamo dire alle persone che hanno fame e cominciano a non farcela più? Nemmeno una parola su questo.

Da giorni ci dobbiamo sorbire mandolini e putipù sulla pagina ufficiale dell’assessorato alla cultura da parte di una grande quantità di personaggi che si esibiscono come se fossimo a Sanremo.

Invece si dovrebbe pensare alla gravissima emergenza del settore. Ad esempio iniziare a pagare i debiti alle piccole compagnie teatrali che sono alla frutta come scritto da Mario Gelardi del Nuovo Teatro Sanità proprio ieri a nome di tanti teatri. Per dirne una su mille sia chiaro…

Il palinsesto inventato dalla solita e inadeguata De Majo è una buffonata indegna e ci spiace per chi vi ha preso parte. Certo non risponde a nulla. E oggi non serve a nessuno se non a chi vi partecipa per usarlo come platea virtuale, (come ad esempio il bravo Tony Tammaro comparso il lunedì di pasquetta per cantare “oh oh che tamarr”).

Dalle pagine ufficiali del comune di un settore tanto delicato e in crisi, invece, si dovrebbe mantenere anzitutto sobrietà. E poi sarebbe oppurtuno parlare di soluzioni concrete per il futuro e di come si intende affrontarlo.

Napoli ha bisogno di risposte serie non di live con la chitarra e promesse di “estati a Napoli” sincerament impensabili.

Insomma quali risposte vogliamo dare, con sportelli comunali inefficaci, che non rispondono, che lasciano fuori troppe persone disperate e in difficoltà? Vorremmo si parlasse di questo. Non di gerani, mandolini e concerti estivi.

Oltre alla fame che ci circonda, alla disperazione, ai problemi che si aggravano per i più fragili, siamo stanchi di chiacchiere al vento e passerelle.

Lucilla Parlato

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.