Stai in contatto

Attualità

D&G E LA STAMPA MONDIALE / Un paio di cose che Vogue non sa su Napoli (e San Gennaro)

Pubblicato

il

abito dolce e gabbana ispirato a san gennaro

Tra ieri e oggi è circolato a bomba sui social, con tanto orgoglio e scarsa conoscenza dell’inglese, un pezzo di Vogue america che parla della sfilata di D&G che ha animato Napoli, in tutti i sensi, in questi giorni.

La cosa divertente è che l’edizione internazionale di Vogue vorrebbe raccontarci la città senza conoscerla minimamente incappando in gaffe clamorose.

Una su tutte quella che riguarda l’abito ispirato a San Gennaro.

Steff Yotka, la giornalista di alta moda che si è occupata con Sarah Mower della sfilata, elenca infatti 9 cose da sapere sulla sfilata di Dolce & Gabbana. E tra queste dedica uno dei 9 punti all’abito ispirato a San Gennaro.

Scrive la Yotka: “la modella Yumi Lambert è stata lanciata nel ruolo di protagonista come una dorata e molto chic esponente del clero” soffermandosi poi sulla sua “alta acconciatura”.

Ma quel dorato esponente del clero è chiaramente San Gennaro, a cui Dolce & Gabbana hanno voluto rendere omaggio, fin dal copricapo che richiama quello straordinario del Tesoro della Cappella, la famosa Mitra in oro con 3694 tra  rubini, smeraldi e brillanti realizzata dall’orafo Matteo Treglia nel 1713, che fu, insieme ad altri importanti pezzi, commissionata dalla Deputazione della Cappella del Tesoro di San Gennaro per il Busto Reliquiario del Santo per Museo del Tesoro di S. Gennaro. Un tesoro dal valore inestimabile che per molti esperti è superiore al tesoro della corona inglese e che giunge a noi intatto grazie alla protezione e alla custodia della Deputazione, l’istituzione laica che rappresenta Napoli e i napoletani dal “voto” della Città di Napoli del 13 gennaio 1527.

mitra di san gennaro

Una mancanza, quella della citazione a Janarius, che non possiamo non sottolineare visto che la stampa internazionale recentemente si è occupata della vicenda della deputazione, che ha portato i napoletani a manifestare in massa contro il decreto Alfano che voleva levare al popolo la gestione del Tesoro, che va avanti da sette secoli: una storia ripresa da The Guardian come dal Times.

Non meglio fa la Mower, secondo la quale la sfilata si sarebbe svolta ai Quartieri Spagnoli (dove invece ci sono gli stencil dell’artista napoletana Roxy in the Box sui personaggi storici anche legati a Napoli, mentre Sophia Loren è stata immortalata da uno stencil di cui ha parlato il mondo intero, della stessa artista,  a vico dei Maiorano in zona piazza San Gaetano). La sfilata, infatti, si è svolta come tutti sanno nel decumano maggiore, centro storico della città. La Mowler però ammette che più che il jet set internazionale è stata la gente del posto a comprendere meglio tutti gli omaggi e costumi riferiti ai film della Loren e “all’alto cattolicesimo – aridagli – arte popolare e cibo”.

Insomma, se proprio volete raccontare la vicenda Dolce & Gabbana a Napoli, allora informatevi bene sull’identità della città. Altrimenti rischiate di risultare poco credibili. Anche perché San Gennaro ha milioni di fans. E proprio in America il suo culto è più vivo che mai.

Lucilla Parlato

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.