Stai in contatto

Eventi

FLASH MOB / In 100mila per Pino Daniele: eccoci, siamo il tuo popolo

Pubblicato

il

pino copertina 2


…dall’ esterno forse non è facile capirci…

ma la cosa più grande è che tra di noi ci capiamo..

come lo spieghi che non è retorica ma identità?

Come lo spieghi che non è esagerazione ma legame vero?

Lo spieghi così, con un intero popolo che stasera è un unico corpo.

(Tania Merenda)

 

 

C’era “tutta Napoli”.

C’era il tuo popolo, Pino. Quello che ti ama e sempre ti amerà. Quello che ti renderà eterno su questa terra, continuando a cantare le tue canzoni.

Quello, anarchico e scombinato, che ieri a piazza del Plebiscito, largo di Palazzo, piazza Pino Daniele per una notte, si è precipitato a ricordarti, “arrangiando” un improvvisato funerale, perché ingiustamente e ancora una volta ha dovuto sorbirsi anche la possibilità, l’eventualità, lo spettro del mancato ultimo saluto al suo più grande cantore di questi decenni, alla sua voce principale.

E’ così in quella piazza buia, impalcata, ma comunque bellissima, nostra, si è consumato un rito collettivo, quello di un popolo per cui il canto è vita e identità, alla faccia di chi continua a buttarci stereotipi in faccia, e dei peggiori. Alla faccia di chi in questi giorni ha osato pensare – come se tu non appartenessi alla città che ti ha generato – di evitarci un ultimo addio, una lacrima, una carezza alle tue spoglie, una preghiera per chi crede.

In quella piazza illuminata dalle luci dei telefonini c’era chi ha sempre usato solo quelli per accendere il proprio amore e chi ieri ha ricordato le dita bruciate dagli accendini accesi a illuminare Napul’è sempre lì, oltre trent’anni fa, sempre con te, Pino.

Eravamo 100mila dice chi sa contare le folle. Io non lo so quanti eravamo… so che i telefoni non prendevano tanta la congestione, so che oltre al Napul’è corale si è rimasti fino a notte a continuare a cantare, in piccoli gruppi, in contemporanea, chi con le chitarre, chi con i bonghi, chi con le tammorre, chi con la sola voce, chi con una candela accesa in mano, tutto il tuo repertorio, tutto….

pino copertina 3

Gente di tutte le età, di tutte le generazioni. Gente di tutti i quartieri. La gente di Napoli, la tua gente. Un rito collettivo e spontaneo, di cui solo un popolo come quello partenopeo, in questa finta nazione che chiamate italia, è capace. Un popolo appunto.

Del resto tu lo hai sempre saputo e ricordato: se tu non fossi nato qui, saresti stato nessuno. Senza Napoli e senza la sua gente che alla fine ha dovuto lottare anche per darti l’ultimo saluto, Pino Daniele non sarebbe esistito, non sarebbe esistito Eduardo e nemmeno Totò, che come te ha avuto un doppio funerale. Perché alla fine tu, proprio grazie a questo popolo, oggi, come il tuo idolo, il principe De Curtis, avrai anche tu un doppio funerale, riservato ai grandi “miti” della città: prima a Roma, poi a Napoli… oggi, dopo la festa di popolo e identità, oggi, dopo la festa di stanotte (a Napoli alle 19, sempre al plebiscito).

Stasera dunque l’altro saluto della tua città. Anche se a noi piace immaginare che la tua vera festa è stata quella spontanea di ieri e che dal cielo hai cantato Napul’è e Terra mia insieme a noi, pacificandoti per sempre con la città e i suoi abitanti che ieri, per una volta, hanno ricambiato tante emozioni regalandoti un unico grande spettacolo, un tributo al cielo.

Sì, questa volta, per l’ultima volta, è stato il tuo popolo a dirti: ciao guagliò.

Lucilla Parlato

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *