Stai in contatto

Attualità

FURTO LEGHISTA / Nino D’Angelo contro Salvini: nel suo spot la mia musica. Via subito o lo denuncio

Pubblicato

il

nino d'angelo matteo salvini

«Ca nisciun è fess!». Così Nino D’Angelo si è scagliato contro Matteo Salvini. Da alcuni giorni, infatti, il nuovo spot elettorale della Lega per il movimento pro-Sud «Noi con Salvini» è stato messo online e Nino D’Angelo si inalbera su fb: «Non li ho autorizzati a usare la mia musica». Il brano in questione è «Jamme Ja» cantato da Nino D’Angelo e Maria Nazionale e presentato nel Sanremo del 2010.

Insomma come nel più classico dei comportamenti assolutamente grotteschi e fuori luogo, per compiacere il buon selvaggio cui si conduce la civilitá, un meraviglioso “arruobbo” che, se non rimosso come richiede l’autore, porterá anche ad una denuncia contro chi ha utilizzato quel brano senza l’autorizzazione dell’autore di “nu jeans e nà maglietta”. Un pò come se il ku klux klan usasse la musica Puff Daddy per  fare proselitinei ghetti a stelle e strisce.

D’Angelo è furibondo. Tempo fa vaticinai la scelta da parte della Lega de ” ‘o ballo do cavallo”, un cult di Gigione, in grado di avvicinare gli alieni leghisti allo spirito folk dei terroni a cui chiedono i voti. Il vaticinio non è lontano dalla realizzazione dopo l’ira funesta manifestata dal “caschetto d’oro” partenopeo.

Il buon Salvini, credeva che a Napoli scurdammece ‘passato, fosse una legge fissa, inderogabile e valevole erga omnes, verso tutti, in quel di Partenope. Se poi annacquato da musica locale, il tentativo aveva, nelle intenzioni del politburo leghista, sicura riuscita. Un principio in grado di lavare trenta anni di insulti. Un pò come il tentativo patetico di un anno fa di realizzare una pizza fatta in casa e mostrarla al popolo come principio di redenzione.

Matteo, fratello caro, nun pazzià che giù a Napoli non teniamo la “capa fresca” , abbiamo la memoria lunga e nel nostro piccolo, come le formiche, ci inc..avoliamo. L’identità non è il  regalo di circostanza che si reca in dono alle feste in cui non si è stati invitati.

Il Lazzaro

 

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.