Stai in contatto

Mitariello

IL MITARIELLO / Nisida è un’isola e nessuno lo sa…

Pubblicato

il

“Venite tutti a Nisida, ya ya ya ya ya Nisida
ya ya ya ya ya Nisida è un’isola e nessuno lo sa!…”

(Edoardo Bennato, Nisida)

Aversa, ore 15.00

“per te Nisida, arriva Posillipo”

Si, scrivere di miti e leggende con l’ennesima edizione di uomini e donne, con la voce di sua maestà Maria de Filippi in sottofondo e leggendo nel frattempo la Serao provoca storture nelle sinapsi celebrali tali che la cura Ludovico di Arancia Meccanica è un tranquillo week and nel bosco di Capodimonte. Quindi immaginerò la straziante storia fra l’ingenuo Posillipo e la terribile Nisida (sta cessa oh..) come tutto fosse accaduto nel corteggiamento più longevo della tv in cui invece che la trash (sempre sia lodato il genere) Tina , ci sta la Serao che scrive sulla Olivetti M1 (la prima macchina da scrivere dell’Olivetti).

Posillipo era il classico bravo uaglione del quartiere, aiutava le vecchie con la spesa, fermava il traffico fuori alle scuole, non rubava mai il fumo dagli spacciatori  anzi era talmente bravo e dolce che quando andava a fare una capatina nelle case chiuse alla sua donna d’amore  purtav pure i baci perugina.

Vi fu una volta un giovanetto,leggiadro e gentile,nel cui volto si accoppiava il gaio sorriso dell’anima innocente,al malingonico riflesso di un cuore sensibile:egli era,nel medesimo tempo,festevole senza chiasso e serio senza durezza.Chi lo vedeva, lo amava;e la gente accorreva a lui,come ad un amico,per allietarsi della sua compagnia.

il povero Posillipo dal cuore puro e felice dovette però scontrarsi con la dura legge della vita puttana e il suo alfiere, Cupido, che come  in ogni storia tragica d’amore che si rispetti , da romeo e giulietta al più recente “il segreto”, permette innamoramenti incrociati e carpiati  ma a bott di morti, feriti e chitemmuort di famiglia. Infatti fra una buona azione ed altra, fra ali di fan innamorate del suo mix di occhioni allo xeno, capello stile Leonardo di Caprio in titanic e il cuore d’oro si innamorò della più grande cessa di Napoli all’epoca, Nisida,  una donna  di campagna la quale aveva ricevuto in dono dal destino una bellezza corporale fuori dal comune  ma a tale avvenenza esteriore, però, non corrispondeva una bellezza e purezza d’animo.

Era talmente cattiva che  era lei ad andare in sogno a Freddy Krueger.

Ma il bel giovanetto fu molto infelice,molto infelice.Gli entrò nell’ anima un amore ardente,la cui fiamma,che saliva al cielo,non valse ad incendere il cuore della donna che egli amava. Era costei una donna di campagna,cui era stato dato in dono la bellezza del corpo,ma a cui era stata negata quella dell’anima. Ella era una di quelle donne incantatrici,fredde e malvagie,che non possono nè godere nè soffrire.Paiono fatte di pietra, di una pietra levigata,dura e glaciale. Vanno in pezzi ma non si ammolliscono,cadono fulminate senza agonizzare.Tale era Nisida,colei che fu invano amata dal giovinetto,poichè nulla valse a vincerla. Allora lui,che si chiamava Posillipo,amando invano la bella donna che viveva di faccia a lui,per sfuggire a quella vista,che era il suo tormento e seduzione,decise di precipitarsi nel mare e finire così la sua misera vita. Decisero però diversamente i Fati e rimasto a mezz’acqua il bel giovanetto,vollero lui mutato in poggio,che si bagna nel mare; ed ella è uno scoglio che gli è dirimpetto. Posillipo poggio bellissimo dove accorrono le gioconde brigate, in lui dilettandosi, Nisida destinata ad albergare gli omicidi ed i ladri,che gli uomini condannano alla eterna perigionia. Così eterno il premio,così eterno il castigo

I nostri due protagonisti divennero così due entità morfologiche distinte  e separate ma accomunate dallo stesso epilogo delle loro vite e destinati a restare l’uno vicino all’ altra.

Posillipo il promontorio che domina sul mare, avrebbe perennemente osservato Nisida, l’isolotto sottostante.

L’istmo che separa fisicamente le due compagini diviene emblema  di quell’amore al quale non è mai stata data possibilità di  nascere. Due cuori, distanti  ora anche fisicamente,  che si sfiorano ma che non sono mai destinati a toccarsi concretamente, come scrisse anche Sannazzaro

“Dimmi,Nisida mia; così non sentano Le rive tue giá mai crucciata Dorida Ne Pausillipo in te venir consentano; Non ti vid’io poc’anzi erbosa e florida, Abitata da lepri e da cunicoli?”

Aniello Napolano

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.