Stai in contatto

Attualità

LA RIFLESSIONE / Migranti: la società della follia

Pubblicato

il

Tempi bui. Senza ragione nè coscienza. Tempi in cui si raccolgono i frutti del lavoro di lobotomizzazione del pensiero e delle coscienze operato in questi anni col sistematico annientamento della cultura e del pensiero critico, in cui le generazioni massificate belano in un unico delirio assordante.

Da un capo all’altro del mondo, assistiamo a storie atroci di violenza e orrore: bambini nelle gabbie al confine col Messico. Piccoli e adulti annegati nel Mare nostrum,  vittime di una politica bieca e folle.

Non si può restare inermi e insensibili davanti certi orrori che ghiacciano il sangue e mostrano il lato barbaro di un mondo divenuto palude d’odio e violenza. Che vuole dividere e classificare in buoni e cattivi, invece di integrare ed accogliere, colmando le disuguaglianze.

Dall’11 settembre, la società iconica parla attraverso le immagini che tutto trasformano in show mediatico: anche il dramma e la morte. Quella che ciascuno di noi fatica a metabolizzare quando si tratta di cari, ma che assume un significato diverso quando la si vede lì. Ferma in un fotogramma. Le foto diventano un simbolo virale: ciascuno le fa sue, esprimendo rabbia, dolore, sdegno ma l’ impatto, sebbene violento, non riesce a fermare o almeno arginare, questa corsa nevrastenica verso la distruzione del sentire umano.

E’ come se la continua sovraesposizione al dolore avesse vaccinato i sentimenti, il “c’amma fa” che scrolla le spalle e le coscienze e la stessa indignazione social, sono un’onda debole che non lascia traccia.

Esseri umani mercificati, stipati come bestie: migranti. Un aggettivo sostantivato che appiccica un’etichetta a persone. Ma questo fa comodo dimenticarlo. Salvini ne è degno portabandiera: parla dei migranti come se fossero delle blatte e non esseri umani, pubblica selfie credendosi spiritoso e ci riesce pure, considerando tutti i suoi beceri sostenitori.

La follia del ministro è trasversale e pari a quella delle masse che lo hanno sostenuto ed inferiore solo a quella di coloro che lo affiancano al governo e che, omertosi e conniventi, lo lasciano fare. Avallano questa crudeltà facendola passare per normalità e guai a dissentire. Fico docet.

Il Salvinismo ormai è una metastasi maligna che si nutre di consensi: gli extracomunitari, i migranti, i rom, impersonano i Malaussene d’Italia, sono nel mirino, vivono nella paura di essere malmenati e aggrediti, qualche folle gli spara addirittura addosso, li insulta per strada, li umilia.

L’uomo forte ha dato forza ai pavidi, ai frustrati che nutrono il loro ego impotente sulla pelle dei deboli, si abbeverano al calice dell’ odio, gongolano pensando che, arginando gli sbarchi, l’Italia sarà un paese migliore. Sono usciti dalle fogne i moralisti bigotti “esasperati” perché “il colorato” cerca di lavare il vetro dell’ auto per raggranellare una moneta, ma gli si può sputare addosso liberamente, esibendo il pass “Salvini” e stringendo tra le mani il crocifisso. Della serie la carità, questa sconosciutà.

Eppure, lustri fa, con le valigie di cartone, cantando“Santa Lucia Luntana” eravamo noi i migranti. Le motivazioni che spingono a lasciare la propria terra, quelle radici che si cercano negli occhi di un connazionale in terra straniera, sono sempre state e saranno sempre le stesse: lasciarsi alle spalle un presente cupo, greve come le bombe, la fame e la miseria, per ricominciare da zero e sperare di costruirsi un futuro.

Ce lo siamo chiesti perché partono comunque, nonostante l’accoglienza negata, i pericoli moltiplicati, le difficoltà enormi? Perché quando sei disperato, giochi il tutto per tutto e forse anche morire può sembrare una soluzione possibile perché da perdere non ti resta nulla più. Ormai indignarci a poco serve. Siamo tutti ugualmente responsabili e abbiamo tutti quei morti sulle coscienze. Nessuno escluso.

Lo sdegno non cambia i fatti perché noi siamo lo Stato. Siamo il popolo che ha evitato di scegliere, subendo, o che ha scelto affidandosi a chi, nei fatti, ha poi tradito le aspettative. A chi non era pronto  per “fare il cambiamento”, era tutto “chiacchiere e social” e ora naviga a vista, lasciando “il distintivo” a chi, rafforzando l’odio, il rancore verso il “diverso”, riporta indietro paurosamente l’orologio della storia.

Stiamo vivendo immersi in una finta democrazia, una illusoria libertà, persi nello schermo di uno smartphone, rendendo il vissuto mera rappresentazione virtuale di se stesso. Esistendo perché si appare. E anche quelle morti, filtrate da uno schermo, sono solo un ologramma di una realtà che ci alita sul collo e se ne va. Fino alla prossima indignazione generale in un paese confuso, delirante, in preda ad una follia collettiva che la cronaca ci narra ogni giorno. “Se si vuole allontanare per sempre l’uguaglianza fra gli uomini, se gli Alti, come li abbiamo definiti, intendono restare per sempre al loro posto, allora la condizione mentale dominante deve coincidere con una follia tenuta sotto controllo” afferma Orwell nel 1948.  Settant’anni dopo iniziamo a comprendere cosa significa. E basta, per averne paura. Perché non è il diverso il vero nemico da temere.

Monica Capezzuto

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.