Stai in contatto

Attualità

LA RIFLESSIONE / Referendum Lombardo-Veneto, cosa accadrebbe alla “locomotiva” nordica senza il carbone del Sud

Pubblicato

il

A mente fredda proviamo a fare una breve riflessione sul Referendum consultivo per l’Autonomia di Lombardia e Veneto tenutosi domenica 22 ottobre.

Siamo da sempre sostenitori di ogni forma di Autonomia e Indipendenza, e siamo anche ragionevolmente certi che un’Italia federale non avrebbe prodotto il mostruoso divario Nord-Sud, figlio di politiche centraliste oltre che criminali. Solo che questo Referendum, promosso ad esclusivo appannaggio delle due regioni più ricche d’Italia, ci puzza di truffa a danni del resto d’Italia e, dato che siamo abituati ai pacchi tosco-padani, ormai la puzza la sentiamo a kilometri.

Siamo tutti più o meno consapevoli del fatto che il Sud dipenda dal Nord quasi totalmente per i consumi. Un Mezzogiorno che non ha banche, non ha imprese, non ha giornali ma ha tanto petrolio, gas, acqua, energia di ogni tipo, rappresenta il mercato protetto di imprese nordiche da un lato, e dall’altro un bacino di sfruttamento eccezionale. Perché, mentre il petrolio si estrae in Basilicata, l’impresa con sede legale a Milano paga le tasse nella sua regione, producendo quel PIL che fa gettito fiscale, argomento tanto caro ai padani. E mentre i napoletani versano ogni anno svariati milioni di euro nelle casse dei gestori dell’unico tratto a pagamento d’Europa, la Tangenziale, il veneto Benetton alimenta il PIL della sua regione con le tasche dei partenopei.

Purtroppo, in 157 anni abbiamo visto il Sud privato di ogni cosa, dalle Banche alle Imprese, diventando di fatto una riserva di sfruttamento tosco-padano.

Non vogliamo, in questa sede, parlarvi dei MILIARDI che a pioggia queste due regioni (come altre del Centro-Nord) succhiano da sempre, né dello squilibrio storico nella distribuzione delle risorse statali tra Nord e Sud. E neanche parleremo delle risorse del nostro amato Sud. Lo abbiamo fatto tante volte e non vogliamo dilungarci.

Ciò che vogliamo fare è provare ad immaginare cosa succederebbe se cominciassimo ad uscire dalla condizione di colonia e prendessimo in mano le sorti della nostra terra. Con uno Stato che scientificamente ha creato la sua colonia non è facile, è vero. Ma neanche impossibile. Anzi. Dinanzi all’arroganza di chi ha scambiato il Sud per la sua baldracca diventa addirittura necessario. Di più: un’azione concreta di resistenza.

Se ognuno di noi cominciasse ad acquistare solo ed esclusivamente prodotti meridionali, cosa succederebbe? Regioni che consumano solo il 10% di ciò che producono, a chi venderebbero il restante 90% delle loro merci?

Se smettessimo di cedere all’esterofilia e cominciassimo a studiare nelle ottime università del Sud, chi manterrebbe regioni che hanno tassi di natalità bassissime?

Se cominciassimo a depositare i nostri risparmi nei vari crediti cooperativi locali e cominciassimo a non acquistare più pacchetti delle pay TV e giornali con sedi al Nord, cosa ne sarebbe dell’editoria “italiana”?

Se per le nostre vacanze smettessimo di frequentare località dalle acque melmose e scegliessimo sempre e solo Sud, chi sceglierebbe un qualunque lido veneto alle nostre Maldive, il Salento?

Certo, richiede qualche sacrificio. E resterebbe comunque il problema assicurazioni. Ma chi capisce solo il linguaggio dei soldi va toccato nel suo bene più grande: il portafogli.

Perché sarà pure vero che sono la “locomotiva”, ma per farla correre questa locomotiva il carbone, da 156 anni, ce lo mettiamo sempre e solo noi…

Drusiana Vetrano

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.