Stai in contatto

Cultura

LINGUA SICILIANA / In Sicilia si pensa a un’ora di dialetto nelle scuole

Pubblicato

il

“Un’ora nei programmi didattici sarà dedicata alla storia della Sicilia e del suo dialetto”, lo ha annunciato, come si legge sul sito ufficiale della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, il presidente della Regione Sicilia in occasione dei festeggiamenti per il 72°anniversario dello Statuto siciliano, il 15 maggio, quando la giunta si è riunita in seduta straordinaria ad Agrigento. Il 15 maggio, inoltre, non sarà più vacanza nelle scuole, ma sarà una giornata dedicata allo studio della storia dell’Autonomia.
“Cosa ne sarà del nostro dialetto tra 20 anni? Abbiamo il dovere di lavorare su questo fronte.” ha dichiarato il governatore Musumeci (fonte Italpress).
Un segnale interessante, che ci arriva dalla Sicilia, una regione che in più occasioni si è dimostrata pioniera nella difesa dell’identità culturale: senza dubbio, infatti, lo sviluppo economico comincia dalla difesa e dalla promozione della cultura.
Al di là dei proclami – e ce ne sono stati molti, in Sicilia come nel resto d’Italia – si tratta tuttavia di temi estremamente delicati, che richiedono un approccio competente, equilibrato, sistematico; e, soprattutto, docenti adeguatamente preparati. Tutte cose che purtroppo abbiamo visto raramente realizzarsi in questo paese, anche qui in Campania e a Napoli, dove raramente si riesce ad uscire da una concezione dell’identità ancorata al folklorismo e ad approcci obsoleti.
Al di là dei propositi, dunque, ciò che ci interesserà di più saranno le modalità di realizzazione. Staremo a vedere.

Teresa Apicella

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.