Stai in contatto

Lingua Napoletana

MUSICA NAPOLETANA NEL MONDO / La cantante cantonese Heidi Li: “Ho cantato Era de maggio con passione, è bellissima. Tornerò a cantare in napoletano.”

Pubblicato

il

#HeidiCantaInTuttiIDialetti è il progetto della cantante jazz di Hong Kong Heidi Li, alla scoperta della straordinaria diversità culturale, linguistica e musicale dell’Italia. Il suo viaggio inizia a Perugia, con la canzone ironica in perugino ‘Tuqui’, con Emy Steri, che, partita per gioco, si rivela un successo di pubblico su YouTube e sui social. Da lì in poi inizia per lei un percorso conoscitivo delle lingue, dei luoghi e della musica d’Italia, che la porta anche a scoprire il nostro Sud e la sua ricchezza. Fa tappa in Puglia, a Bari, dove canta con Vito Signorile, poi in Salento, dove grazie alla collaborazione con Mirko Signorile, interpreta Lu rusciu te lu mare; infine a Napoli, dove interpreta con Francesco Cavezza Era de Maggio, la celebre canzone basata sui versi di Salvatore Di Giacomo, musicata da Mario Pasquale Costa.

“La canzone è bellissima”, racconta. “Non mi è stato molto difficile impararla, perché amo ascoltarla e l’ho studiata con passione. Il napoletano è una lingua molto musicale. Tornerò a studiare la canzone napoletana, per via della grande tradizione musicale.”

Per il futuro si occuperà ancora del Sud, anticipa infatti che sta studiando la canzone siciliana.

Raccontaci di te. Da quanto tempo sei in Italia?

Sono andata via da Hong Kong quando avevo 17 anni: sono stata due anni in Canada, tre anni in Inghilterra, un anno in Francia. Infine sono venuta in Italia, dove ora frequento la Siena Jazz University.

Come è nata l’idea del tuo progetto?

Qualche anno fa avevo scritto una canzone in italiano, un po’ triste, su un amore non corrisposto. La mia coinquilina, anche lei musicista, in arte Emy Steri, mi ha proposto di scrivere una versione più allegra. Abbiamo scritto una canzone più ironica, divertente. L’abbiamo pubblicata su Facebook, su YouTube, e abbiamo avuto successo! Ci sono state tante visualizzazioni.
Da lì, allora, ho pensato di continuare. Mi sono sempre piaciute molto le lingue, sono sempre stata curiosa delle culture, dei viaggi, e naturalmente di musica. Ho pensato perciò di fare qualcosa che unisse tutte le mie passioni.

Tu stessa, infatti, vieni da una realtà multilingue, quella di Hong Kong. La tua lingua materna è il cantonese?

Sì, anche per questo ho trovato la realtà italiano molto interessante: anche da noi in Cina, a Hong Kong abbiamo una grande diversità linguistica, quindi posso capire che cosa significa vivere questa diversità. Parlo cantonese e inglese come lingua madre; invece conosco il cinese mandarino per averlo studiato a scuola.
Per questo amo le lingue, e non mi è stato difficile imparare i testi delle canzoni nei vari dialetti: in genere studio la canzone, la traduzione, e mi faccio insegnare qualcosa della lingua.

Quale messaggio vuoi lanciare con questo progetto?

È un progetto non solo musicale, ma anche culturale. Nei video, infatti, mostro anche paesaggi, cerco di fornire un’esperienza tipica del posto. Mi piacerebbe far capire che l’Italia non è soltanto Roma-Firenze-Venezia, secondo l’immagine che hanno gli stranieri. Vorrei mostrare sia agli italiani che agli stranieri che ci sono tanti posti da scoprire, una grande diversità culturale, musicale, linguistica.

Teresa Apicella

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.