Stai in contatto

Attualità

REPLICA A FELTRI / I napoletani si bruciano da soli? Caro Libero illuminaci: datti fuoco

Pubblicato

il

Ci eravamo ripromessi di non dedicare più tempo alle nullità in servizio effettivo permanente, che non perdono occasione di speculare su Napoli, anche di fronte a tragedie come quella che in queste ore vede la Campania ardere.
Ma le parole che abbiamo letto sul giornalaccio di Feltri non possono passare inosservate, anche perché quel giornalaccio continuiamo a finanziarlo anche noi napoletani, con le nostre tasse e con giochi di prestigio di cui, evidentemente, i sagaci lumbard sono Maestri.
Stiamo parlando di LIBERO.
Sì, quel Libero là. Quello che nel settembre del 2000, manco il tempo di emettere il primo vagito, pubblicò “impressionanti e raccapriccianti fotografie pedopornografiche”, che costarono a Feltri un provvedimento da parte dell’Ordine dei giornalisti.
Quel Libero là, che pubblicò un falso dossier su Romano Prodi, a firma di Renato Farina, che costò allo stesso sei mesi di reclusione e la radiazione dall’Albo.
Quel Libero là, di cui Feltri detiene, grazie a giochi di prestigio e magheggi, pur non essendo socio maggioritario,  la maggioranza in CdA.

Quel giornale là, quello che ci ha abituati agli scandali, ai pezzotti. Che regala falsi “diari” di Mussolini, che, grazie al gioco delle scatole cinesi, ottiene finanziamenti a pioggia da oltre vent’anni, che diventa ufficialmente il supplemento dell’organo ufficiale del Movimento Monarchico per poter ricevere ulteriori cinque milioni e rotti di finanziamenti e che, come leggiamo da Wikipedia: Il d.P.R. 7 novembre 2001, n. 460 ha favorito la trasformazione in cooperative per tutte le imprese che intendono chiedere finanziamenti pubblici. Nel 2004 «Libero» ha acquistato la testata «Opinioni nuove» e si è poi trasformato in cooperativa di giornalisti. Nei sette anni che intercorrono dal 2003 al 2009, «Libero» ha beneficiato di contributi pubblici per 40 milioni di euro. Nel 2006 il quotidiano ha chiuso il bilancio con profitti per 187 000 euro.

Nel febbraio 2011, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) con la delibera 63/11/CONS, ha sanzionato il senatore Antonio Angelucci per omessa comunicazione di controllo per i giornali «Opinioni Nuove Libero Quotidiano» («Libero») e «Il Nuovo Riformista». La Commissione Consultiva sull’editoria presso la Presidenza del Consiglio, preso atto della sanzione comminata dall’Agcom, ha stabilito che i due quotidianidovranno restituire i circa 43 milioni di euro di contributi percepiti negli anni 2006-2010.

Libero è, insomma, il giornale del “pacco padano”, della mistificazione, della diffamazione. E della disinformazione.

Quello che lanciò la bufala della “museruola per donne” nel mondo islamico, del “divieto di minigonna” dei Paesi Bassi per non urtare i cittadini di fede islamica, senza contare le varie condanne per diffamazione che, negli anni, hanno colpito direttori e redattori.

Esattamente nel suo stile inconfondibile, il giornalaccio di Feltri, in riferimento all’immane tragedia che stiamo vivendo in queste ore intorno al Vesuvio, stamattina titolava così: ” Altro che incolpare lo Stato assente. I NAPOLETANI SI BRUCIANO DA SOLI”. E poi continua con deliranti argomentazioni, del tipo che si boicotterebbe il nuovo Parco del Vesuvio per salvare le abitazioni abusive, che il sindaco si straccia le vesti ma non fa nulla contro i criminali, e che i turisti fuggono.

Intanto, come Feltri sa – o dovrebbe sapere- il Parco del Vesuvio è Ente Nazionale , il che vuol dire che dipende direttamente dallo Stato, dal Ministero dell’Ambiente, che ha un suo Direttore e risponde a leggi precise.
Ciò non toglie che a chi ha appiccato gli incendi, a maggior ragione se di questa terra, va tutto il nostro disprezzo e ci auguriamo paghi un conto salatissimo.
Ma questo non può essere argomento per distrarre l’opinione pubblica dalle ENORMI responsabilità nella gestione dell’emergenza di queste ore, a cominciare dalla Regione Campania – di cui vi abbiamo già parlato- a salire.
E certamente, non si può gettare ancora una volta la croce sulle migliaia di cittadini che stanno vivendo l’Inferno e la cui unica colpa è quella di essere nati qui.
I discorsi sull’origine territoriali dei criminali, tanto cari ai “Facimmo schifo” di professione, vale la pena ribadirlo, ricordano molto alcune orribili pagine di storia recente, per cui la propaganda era imperniata sulla questione razziale.
Ma, devo dirlo, noi siamo andati oltre. Mentre a nessuno sano di mente verrebbe mai voglia di sostenere che dato che i Kapo erano ebrei gli ebrei si sterminarono da soli, in Italia – e, ahinoi, a Napoli- si ha il coraggio di sostenere che certe atrocità ce le meritiamo, dato che un manipolo di delinquenti, a fronte di migliaia di persone oneste, sono napoletane…
A questo punto, però, dobbiamo anche ricordare al buffone meneghino che fu un certo Guido Bertolaso, non esattamente un partenopeo D.O.C. e soprattutto un PEZZO DI STATO,  ad utilizzare il Vesuvio come mega discarica, durante l’emergenza rifiuti degli anni passati (rifiuti, ricordiamo anche questo, in maggioranza importati illegalmente da imprese del Centro-Nord) la cui cosa suscitò le ire dell’UE e l’indignazione del mondo.
Eh sì, perché il mondo si chiedeva, e noi ce lo chiediamo ancora, come si potesse trattare così una tale meraviglia come il Parco del Vesuvio.
Sul fatto che i turisti scappino, preferiamo sorvolare.
Sappiamo che in molti soffrono per la rinascita di Napoli come meta turistica, ma più di consigliare dosi massicce di Maalox non sapremmo cos’altro dire…
Poi, magari, quando deciderà di rivolgersi agli alcolisti anonimi, Feltri ci spiegherà pure le competenze di de Magistris nella lotta alla criminalità. Forse, tra i fumi dell’alcool, non si è accorto che non fa più il Magistrato ma il Sindaco, ovvero l’Amministratore di un Comune e della Città Metropolitana di Napoli.
Una risposta sull’abusivismo vogliamo darla però.

La cronaca italiana ci ha abituati a terribili scene di terremoti, alluvioni, esondazioni, in cui spesso e volentieri esistono responsabilità precise ed in cui l’abusivismo è sovente tra le prime cause. E quasi sempre, queste scene si sono viste nel Centro-Nord.
Sarebbe veramente orribile, come sta facendo Feltri e con lui MEZZA ITALIA, cercare una sorta di giustificazione, come una punizione al fatto che per le colpe di taluni, altri meritino di morire.
Ma noi non lo faremmo, al contrario, saremmo più solidali che mai.
Perché, caro Feltri, noi siamo napoletani. It’s different.

Drusiana Vetrano

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.