Stai in contatto

Attualità

QUALITA’ DELLA VITA / Napoli città della felicità, dove si fa il minor uso di psicofarmaci dello Stivale

Pubblicato

il

L’Italia è un Paese di depressi? A giudicare dalle classifiche sull’uso smodato di psicofarmaci nello stivale parrebbe di si: in Italia circa 11 milioni di persone assumono farmaci contro la depressione, un valore di quattro volte superiore alla media europea.

Gli italiani sono un popolo che soffre di disturbi d’ansia e depressione e a guidare la triste classifica ci sarebbe la Toscana.

Sul podio, comunque, ci sono solo regioni del Centro-Nord. Quelle che, secondo la consueta classifica del Sole 24 ore, registrerebbero una qualità della vita più elevata rispetto alle regioni del Sud. Eppure, i conti non tornano. Perché, come abbiamo cercato di spiegare anche in un articolo, se per le classifiche sulla vivibilità delle città italiane qualità della vita significa maggiore efficienza e più servizi, il paradigma non è confermato dalla “mappa dei depressi” d’Italia. Anzi, è totalmente ribaltata.

Perchè sarà anche vero che al Sud è tutto più difficile, ci saranno certamente tante inefficienze e ritardi rispetto alle regioni settentrionali, ma è chiaro che, come recita il più abusato dei luoghi comuni, i soldi non danno la felicità. Aiutano a vivere meglio, forse. Ma la felicità è uno stato d’animo, una condizione esistenziale.

E sì, saremo anche più poveri e inefficienti, ma proviamo ad essere felici con ciò che abbiamo. Non a caso nella classifica Napoli si afferma come la città dove si fa il minor uso di psicofarmaci in tutto lo Stivale.

Una giornata di sole, una passeggiata vicino al mare, una bella pizza fumante non strapperebbero un sorriso al più depresso degli uomini? Noi crediamo di sì.

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.