Stai in contatto

Attualità

RAPINATORE BILINGUE / Si finge napoletano per sviare le indagini: ma è di Roma. Arrestato

Pubblicato

il

rapinatori supermercato

Non è la prima volta che succede. Era già accaduto in passato che, a Roma, dei rapinatori di Rolex, che avevano preso di mira soprattutto Vip (tipo Lino Banfi), fingessero un accento partenopeo per tentare di sviare le indagini sugli atti criminali compiuti. E giù i titoli della stampa nazionale “napoletani in trasferta, rapinatori napoletani”, salvo poi scoprire che si trattava di criminali autoctoni che si fingevano campani per depistare gli investigatori.

E’ successo di nuovo, nel popolare quartiere di Tor Bella Monaca a Roma dove un 30enne romano, è stato tratto in stato di arresto dai carabinieri per aver messo a segno almeno quattro rapine in due mesi allo stesso supermercato di viale di Tor Bella Monaca. La particolarità? Nel corso delle rapine “camuffava” il proprio accento esibendosi nell’eloquio di Partenope.

Scrive il quotidiano online Roma Today:

Le investigazioni avviate dai Carabinieri hanno consentito, in breve tempo, di stringere il cerchio attorno al trentenne, sospettato di essere l’autore solitario che, da qualche tempo, sempre in orario pomeridiano, armato di coltello e cercando di nascondere la propria cadenza romanesca con quella tipica campana, colpiva alcuni esercizi commerciali più vicini alla sua abitazione di via dell’Archeologia, che spesso raggiungeva a piedi, facendo perdere le proprie tracce dileguandosi per le vie della zona.

Accento napoletano, con presunzione di criminalità a carico. Lo vedete che a rimarcare l’origine territoriale per giustificare l’indole criminale si fanno delle grandissime figure di…cioccolata?

Il Lazzaro

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *