Stai in contatto

Attualità

SAN GENNARO / Il popolo di Napoli risponde e scende in piazza: “Giù le mani dalla nostra identità”

Pubblicato

il

piazza piena san gennaro 2

Se San Gennaro chiama, i napoletani accorrono.

A migliaia erano presenti, oggi, dinanzi al Duomo cittadino a difendere il loro Santo, il Santo del popolo napoletano, che da anni veglia sulla città.

Come segno di protesta -una protesta civile, composta, pacifica- un fazzoletto bianco, simbolo di laicità. Quella laicità in cui vogliamo continuare a specchiarci, certi di non sottostare ad alcuna testa mitrata che non sia quella del nostro unico Vescovo: Gennaro.

Una città straordinaria, Napoli, capace di sorprendere sempre. Come ha fatto oggi, riunendo le anime più diverse di questo complicato groviglio, gruppi in contrapposizione tra loro, provenienze politiche e sociali diametralmente opposte. Tutti, veramente tutti, riuniti sotto l’ala di Gennaro, in difesa di una napoletanità sempre più minacciata ed in via d’estinzione.

Gennaro ripete il miracolo ogni anno, più volte l’anno. Ma il vero miracolo noi lo abbiamo visto oggi, e ve lo raccontiamo col cuore traboccante di orgoglio e speranza.

Nota di orgoglio particolare per una battaglia che abbiamo lanciato e sostenuto sin da subito, e che continueremo a sostenere con forza.

Infervorate le parole del nostro Direttore, Lucilla Parlato. Toccanti quelle di Francesco Andoli, tra i massimi esperti del Santo napoletano. Unica la voce che si è levata in una piazza gremita: San Gennaro nun s’ha da tucca’!

E così sia. Se San Gennaro chiama, i napoletani accorrono.

Ma la battaglia non si ferma e nelle  prossime ore su change lanceremo la petizione #Giùlemanidasangennaro per fare in modo che anche i nostri emigranti in tutto il mondo possano partecipare.

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *