Stai in contatto

Attualità

SCOMMESSE VINTE / Per il primo maggio in trecento a Pietrarsa per ricordare i primi morti d’Italia

Pubblicato

il

I napoletani identitari hanno vinto la scommessa, mai come quest’anno, che hanno voluto per il secondo anno di seguito celebrare il primo maggio a Pietrarsa per ricordare i primi morti sul lavoro e d’Italia. Ma soprattutto per guardare al futuro, insieme. Collettivi e meridionalisti hanno di nuovo deciso di sfilare fianco a fianco. E stavolta con successo ulteriore: oltre 300 persone e molte sigle che per la prima volta hanno aderito al corteo, partito dalla caserma Aqui verso Pietrarsa intorno alle 11. Ad affiancare i ragazzi dello 081 guidati da Giovanni Pagano e Mario Raimondi e i ragazzi di Portici guidati da Giovanni Precenzano, Aniello Sicignano e Pasquale Alfiero tanti altri gruppi. Quest’anno c’erano anche i ragazzi di Potere al Popolo e di Mo’ (con Ivan Trocchia i primi e con Vittorio Terracciano i secondi) e quelli di Brigata Spalletella. E poi tanti singoli e – come ogni anno – una delegazione anche di Identità Insorgenti (con Lucilla Parlato, Drusiana Vetrano e Alberto Guarino). Come anche l’anno scorso però la direzione del Museo di Pietrarsa non ha aperto le sue porte. Così è toccato al piccolo Filippo posare un fascio di rose rosse davanti ai cancelli.

Live del corteo di Lucilla Parlato con interviste a Gigi Lista e Vincenzo Serio.

Gallery Drusiana Vetrano

 

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.